Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’annuncio

Cimitero internazionale dei migranti in Calabria, Corbelli: «Ora si accelera»

Il leader del movimento Diritti Civili: «Mi ha contattato il governatore Occhiuto, presto arriverà il finanziamento»

Pubblicato il: 04/03/2023 – 16:40
Cimitero internazionale dei migranti in Calabria, Corbelli: «Ora si accelera»

CATANZARO «La Calabria darà dignità alla morte dei poveri migranti, nei tragici naufragi, con il cimitero internazionale dei migranti». Va in questa direzione la telefonata che il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, ha avuto con il leader del movimento Diritti Civili, Franco Corbelli. «La tragedia di Cutro e quelle scene strazianti, che spezzano il cuore, del mare che continua a “restituire” i corpi dei poveri migranti, senza nome, tanti i bambini, hanno riportato l’attenzione anche sul problema di dare una degna sepoltura, in un luogo unico e preciso, a tutte queste vittime non identificate», afferma Corbelli. «Per questo a Tarsia, in Calabria, si sta realizzando il Cimitero internazionale dei Migranti, grazie ad una lunga, ininterrotta battaglia del Movimento Diritti Civili, iniziata dieci anni fa, dopo un’altra terribile strage, quella di Lampedusa del 3 ottobre 2013, e sostenuta dal sindaco del piccolo comune del cosentino, Roberto Ameruso, e dalla Regione Calabria, dall’ex presidente Mario Oliverio e, oggi, dall’attuale governatore Roberto Occhiuto, che ringrazio per il loro sostegno e la loro sensibilità», scrive in una nota Corbelli. «E’ un’opera unica al mondo che darà dignità alla morte dei poveri migranti, vittime dei naufragi, cancellerà la disumanità di tutti quei poveri corpi, molti, purtroppo, senza un nome, che vengono seppelliti in tanti piccoli, sperduti cimiteri, soprattutto calabresi e siciliani, che ne cancellano così ogni ricordo e riferimento per i loro familiari dei lontani Paesi del mondo che non sapranno mai dove andare un giorno a cercarli per portare un fiore e dire una preghiera. E’ quello che purtroppo accadrà anche per tante delle vittime non identificate dell’ultima terribile strage nel mare di Cutro», prosegue Corbelli. «I lavori di questa grande opera umanitaria, conosciuta e apprezzata a livello internazionale, erano iniziati quattro anni fa, pochi giorni prima del Natale 2018, si erano poi, dopo un anno, fermati, per la pandemia e l’esaurimento del primo finanziamento regionale di 250mila euro, saranno adesso rifinanziati, ripresi e ultimati. Lo ha annunciato, un mese fa, all’ex Campo di Concentramento di Ferramonti di Tarsia, in occasione della Giornata della Memoria, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che ieri sera mi ha cortesemente chiamato, e anche di questo gli sono grato, per confermarmi questo suo impegno con la rapida concessione del secondo finanziamento necessario per il completamento della monumentale opera, che, ricordo, sorgerà su una vasta area, la collina della Pace, di quasi 30mila mq, in un posto fortemente simbolico, di fronte al vecchio camposanto comunale, in parte ebraico, e a breve distanza dall’ex Campo di Ferramonti, luogo di prigionia ma anche di grande umanità, dove, durante la guerra, nessuno degli oltre tremila internati subì mai alcuna violenza. Soprattutto per questo, come ho più volte detto in questi anni, è stato scelto questo luogo storico per questa grande opera universale, che sarà intitolata al bambino siriano Alan Kurdi, morto, agli inizi di settembre del 2015, in un tragico naufragio, sulle coste della Turchia, insieme al fratellino Galip e alla giovane mamma Rehana, e la cui immagine, il corpicino con la maglietta rossa, ritrovata sulla spiaggia turca di Bodrum, commosse tutto il mondo e divenne simbolo della tragedia dell’immigrazione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x