Ultimo aggiornamento alle 21:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Processo “Sette Note”. Spaccio di droga a Cosenza, pioggia di assoluzioni

Al centro dell’inchiesta diversi presunti episodi di spaccio e minacce nei confronti dei genitori degli assuntori

Pubblicato il: 13/04/2023 – 16:49
Processo “Sette Note”. Spaccio di droga a Cosenza, pioggia di assoluzioni

COSENZA Il Tribunale di Cosenza ha assolto Dimitri Bruno, dai reati a lui ascritti ai capi a), y) e h bis) della rubrica, perché il fatto non sussiste; Cesare Quarta (difeso dall’avvocato Antonio Quintieri) per non aver commesso il fatto e per le accuse ai capi b) e c) della rubrica, perché il fatto non sussiste; Ilenia De Luca perché il fatto non sussiste; Manuel Esposito per non aver commesso il fatto; Francesco Picarelli perché il fatto non sussiste. Il Collegio giudicante (presidente Carmen Ciarcia) dichiara il «non doversi procedere» nei confronti di Carlo Bruno in relazione ai reati a lui ascritti al capo d) della rubrica, perché estinti a seguito di prescrizione.
Il Tribunale ha dichiarato Dimitri Bruno responsabile dei reati a lui ascritti ai capi e), h), i), j) k), q), ed r) della rubrica, condannandolo alla pena di anni tre di reclusione e 3.400 euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali. Lo stesso è stato condannato all’interdizione dai pubblici uffici per la durata di anni cinque. Mario Caira è stato ritenuto responsabile del reato a lui ascritto al capo m bis) della rubrica e condannato a quattro mesi di reclusione (pena sospesa), oltre al pagamento delle spese processuali. Gli imputati sono tutti coinvolti nel processo scaturito dall’inchiesta denominata “Sette Note”.

L’operazione “Sette Note”

Nell’operazione “Sette Note” condotta dalla squadra mobile di Cosenza, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, venivano contestati diversi episodi di spaccio di sostanza stupefacente e presunte minacce per estorcere denaro proferite nei confronti dei genitori degli assuntori per indurli a pagare i debiti dei figli. Giovani nel vortice di sostanze stupefacenti che compiono delle piccole estorsioni ai propri congiunti pur di pagare i propri debiti. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x