Ultimo aggiornamento alle 13:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

Rinascita Scott, il documento di un teste della difesa trovato a casa del boss Bonavota

Nel covo genovese dell’ex latitante il timbro dell’ufficio Anagrafe di Sant’Onofrio e diversi documenti. Il boss aveva acquisito la dote della Corona

Pubblicato il: 03/05/2023 – 17:35
di Alessia Truzzolillo
Rinascita Scott, il documento di un teste della difesa trovato a casa del boss Bonavota

LAMEZIA TERME Tracce importanti sulla sua caratura criminale e sulla rete di fiancheggiatori che lo supportava sono state trovate dai carabinieri del Ros nel covo genovese del boss di Sant’Onofrio Pasquale Bonavota, 49 anni. Tra queste vi sono documenti appartenenti ad altre persone, il timbro dell’ufficio Anagrafe del Comune di Sant’Onofrio, e anche copie fotostatiche di documenti di identità. Tra queste ultime spicca la copia fotostatica del documento di Domenico Ceravolo, un soggetto che, tra le altre cose, è stato chiamato a deporre dalla difesa dell’imputato del processo Rinascita Scott Giovanni Giamborino, uno degli uomini considerati più vicini e fedeli al capo mafia Luigi Mancuso, detto “il supremo”. Alla luce di quanto emerso con la cattura di Bonavota, anche lui imputato nel maxi processo, questa mattina il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Annamaria Frustaci, ha formalizzato nuove richieste. La Distrettuale ha chiesto di sentire in aula gli ufficiali che hanno indagato per rintracciare Pasquale Bonavota che si era reso uccel di bosco per quattro anni. Altra richiesta avanzata è quella di acquisire gli atti dell’esecuzione della perquisizione a carico di Bonavota. Questi atti rivelano, tra le altre cose, che il boss aveva conquistato la dote ‘ndranghetista della Corona, una dote molto alta. Non è un caso, infatti, che il 49enne fosse l’uomo più ricercato dopo Matteo Messina Denaro.
È stata, inoltre, chiesta la trascrizione di 10 progressivi di intercettazione di un altro procedimento, che riguarda Bonavota, acquisito in Rinascita.

Indice degli atti a garanzia di trasparenza

Per quanto riguarda le eccezioni sollevate nel corso della scorsa udienza dall’avvocato Alessandro Diddi, il pm ha replicato affermando che è stato creato, a garanzia delle difese, un articolato indice degli atti depositati al processo, tenendo conto delle deposizioni assunte di volta in volta durante le udienze. Le difese hanno la possibilità di trovare gli atti seguendo il criterio della deposizione, del capo di imputazione e, in alcuni casi, anche della data di udienza. A differenza di quanto sostiene la difesa si è cercato di consentire il migliore controllo possibile degli atti utili alle difese a garanzia di trasparenza. È stato, inoltre, dato avviso di deposito di un nuovo verbale del collaboratore Pasquale Megna, datate 29 aprile. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x