Ultimo aggiornamento alle 13:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’indagine

Gare d’appalto “ritoccate” e intramoenia. Le indagini della Procura sul Pugliese Ciaccio

Una ventina le persone nel mirino del blitz di Nas e Gdf coordinato Procura. Regali in cambio di una corsia preferenziale nelle gare

Pubblicato il: 17/05/2023 – 15:31
Gare d’appalto “ritoccate” e intramoenia. Le indagini della Procura sul Pugliese Ciaccio

CATANZARO Gare d’appalto “ritoccate” per favorire una ditta piuttosto che un’altra e prestazioni in intramoenia senza il pagamento della quota spettante all’Azienda. Ruota attorno a questi due filoni investigativi, secondo quanto si è appreso, l’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Catanzaro che stamani ha portato a numerose perquisizioni nei confronti di medici, dirigenti e personale amministrativo in servizio nell’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro. Per quanto riguarda le gare d’appalto, l’ipotesi – che gli investigatori del Nas e della Guardia di finanza intendono chiarire – è che alcune ditte siano state favorite nell’aggiudicazione in cambio di regalie a dipendenti dell’Azienda. Inoltre le indagini mirano ad accertare se aziende farmaceutiche abbiano corrisposto somme di denaro per l’organizzazione di un convegno. Sul fronte dell’intramoenia gli accertamenti vogliono fare luce sulle modalità con cui veniva svolto il servizio. In particolare, l’ipotesi accusatoria è che i medici abbiano trattenuto l’intero compenso delle visite private, costringendo anche i pazienti a pagare le visite in contanti per evitare la tracciabilità. I pazienti sarebbero anche stati indotti a sottoporsi a visita specialistica preliminare senza che fosse necessario ma solo intascare il compenso. Irregolarità che, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbero avvenute con la compiacenza degli amministrativi dell’ufficio Alpi dell’ospedale che non sarebbero intervenuti per bloccare la pratica illecita ma anzi, è il sospetto, si sarebbero prodigati per facilitarla.

Le perquisizioni nei reparti e le ipotesi dell’accusa

In mattinata i Carabinieri del Nas ed i finanzieri del Comando provinciale hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti di professionisti in servizio nell’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Catanzaro e interessano diversi reparti, tra cui cardiologia, ortopedia, gastroenterologia, oculistica, ginecologia. Al centro delle indagini, secondo quanto si è appreso, vi sarebbero lo svolgimento dell’attività libero professionale e l’esecuzione di alcuni bandi di gara. Tra i destinatari delle perquisizioni e dei sequestri disposti dalla Procura catanzarese guidata da Nicola Gratteri ed eseguite dal Nas e dalla Guardia di finanza, vi sarebbero primari, dirigenti di struttura, personale amministrativo dell’ufficio Alpi e di aziende private esterne. Gli indagati, secondo quanto si apprende, sarebbero una ventina. Le ipotesi di reato su cui si concentra l’inchiesta sarebbero peculato, concussione, corruzione, turbativa d’asta e truffa.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x