Ultimo aggiornamento alle 19:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Salerno, assolto dall’accusa di falso ideologico l’ex Pg Otello Lupacchini

È accusato di aver ingannato il Comitato interforze sull’esistenza di rischi per la sua persona e la necessità di potenziare la sua scorta

Pubblicato il: 26/05/2023 – 11:10
Salerno, assolto dall’accusa di falso ideologico l’ex Pg Otello Lupacchini

SALERNO È stato assolto dall’accusa di falso ideologico l’ex Procuratore generale di Catanzaro Otello Lupacchini. Lo ha deciso, con formula “perché il fatto non sussiste”, il giudice monocratico di Salerno Viviana Centola. La notizia è stata diffusa dal legale di Lupacchini, l’avvocato Ivano Iai. «Comunico – scrive Iai – che a seguito dell’esame dei soli testimoni del pubblico ministero e senza neppure aver assunto le dichiarazioni di quelli della difesa, il giudice monocratico del Tribunale di Salerno, Viviana Centola, ha pronunciato sentenza immediata di assoluzione perché il fatto non sussiste e così prosciolto Otello Lupacchini dall’accusa di falso ideologico a suo tempo mossagli dai pm di Salerno Roberto Penna e Luca Masini. Il procedimento iniziato nel 2019 e conclusosi il 25 maggio 2023 aveva ad oggetto le dichiarazioni rese da Otello Lupacchini agli organi istituzionali preposti a garantirne la sicurezza personale con adeguato livello di scorta in merito a possibili situazioni di pericolo connesse alla presenza di taluni soggetti nel contesto criminale locale calabrese e al pedinamento subito dallo stesso Lupacchini, lungo l’autostrada Salerno – Roma il 29 gennaio 2019, da parte di un’automobile intestata ad apparati dello Stato, i cui due conducenti sono rimasti ignoti. Otello Lupacchini è stato perciò riconosciuto pienamente estraneo all’accusa, del tutto infondata, di aver ingannato, il 6 febbraio 2019, il Comitato interforze riunitosi presso la Prefettura di Catanzaro per deliberare sull’esistenza di un superiore livello di esposizione al rischio del magistrato all’epoca in cui svolgeva le funzioni di Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Catanzaro e sulla conseguente opportunità cautelativa di potenziare la scorta già assegnatagli».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x