Ultimo aggiornamento alle 13:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’accusa

Scontro frontale nel Consiglio Comunale di Vallefiorita tra l’opposizione e la maggioranza

L’oggetto del contendere è il non inserimento nelll’odg della deliberazione della Corte dei Conti sulle “gravi irregolarità contabili dell’ente”

Pubblicato il: 01/06/2023 – 10:45
Scontro frontale nel Consiglio Comunale di Vallefiorita tra l’opposizione e la maggioranza

CATANZARO L’oggetto del contendere è stato il mancato inserimento al primo punto dell’ordine del giorno della deliberazione della Corte dei Conti (numero 45 del 11/05/2023) con la quale si conclude una lunga istruttoria sulle “gravi irregolarità contabili dell’ente” e dispone “misure correttive”. La Corte sostiene che in assenza di correttivi viene pregiudicato l’equilibrio economico e finanziario “con inevitabili ripercussioni sull’effettivo ripiano del disavanzo”.
In sostanza il Comune di Vallefiorita non riesce a riscuotere i tributi, solo il 13% paga regolarmente e l’amministrazione, per superare i problemi di liquidità, utilizza i fondi delle opere pubbliche (fondi vincolati). Inoltre, a fine anno, l’utilizzo dei fondi vincolati viene ripianato con anticipazioni di cassa; in sostanza l’ente non rispetta l’equilibrio di bilancio. «Il sindaco Megna ha rigettato la proposta di discutere in primis l’informativa della Corte dei Conti dimostrando di ignorare e di non aver letto le carte», sostiene l’opposizione. Che sottolinea: «abbiamo chiesto il rinvio dell’approvazione del bilancio, considerato che è stata posticipata la scadenza al 31 luglio e, la convocazione del revisore ai lavori del consiglio che secondo noi disconosce le gravi inadempienze che si estendono anche ai contenziosi». Infatti la magistratura contabile rileva che l’accantonamento fatto solo nel 2018 e che i numerosi contenziosi (non contabilizzati) in caso di soccombenza possono pregiudicare la stabilità finanziaria e quindi il dissesto. «Una maggioranza allo sbando, rimaneggiata ignora i problemi, disconosce i procedimenti e risalta approssimazione, incapacità ed ignoranza». «Abbiamo chiesto fino al quarto punto dell’Odg – continuano – il rispetto e l’applicazione del dispositivo della Corte e visto che il Sindaco non ha voluto accogliere i nostri consigli, abbiamo abbandonato l’aula al punto sull’approvazione del bilancio, per non essere complici di un atto di assurda prevaricazione. Abbiamo manifestato la nostra avversità all’aumento della TARI che anche quest’anno aumenta in maniera vessatoria ed iniqua con il risultato che i cittadini non pagano i tributi. Un’amministrazione fallimentare che ha distrutto la solidità dell’ente, considerazioni che scaturiscono dalla delibera della Corte dei Conti che renderemo pubblica affinchè i cittadini si formino una propria opinione», chiosa il gruppo consiliare “Insieme per cambiare”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x