Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il contributo

«Le opportunità della “Città unica”»

La fusione dei comuni Cosenza-Rende-Castrolibero varata in Consiglio regionale il 24 maggio scorso, sta polarizzando l’attenzione di tanti in questi giorni, tant’è che sfogliando i giornali non si…

Pubblicato il: 04/06/2023 – 9:40
di “LA COSENZA CHE VUOI”*
«Le opportunità della “Città unica”»

La fusione dei comuni Cosenza-Rende-Castrolibero varata in Consiglio regionale il 24 maggio scorso, sta polarizzando l’attenzione di tanti in questi giorni, tant’è che sfogliando i giornali non si vedono altro che contributi affannati a dimostrare la correttezza o meno delle procedure adottate dalle forze politiche in occasione dell’approvazione della legge che istituisce la Città unica, la sussistenza o meno di profili di in-costituzionalità del testo di legge approvato e via dicendo. Il Movimento politico La Cosenza Che Vuoi interviene sul punto e vuole spostare le riflessioni – giuste e necessarie in un sistema democratico – sul terreno delle opportunità. Preliminarmente vogliamo precisare  che è importante che i dibattiti siano accesi e vivaci soprattutto su temi rilevanti qual è sicuramente la fusione di due o più comuni, perché il dibattito è sempre testimonianza di  democrazia ed il confronto tra forze politiche anche contrapposte è la cifra esatta della democrazia partecipata. Ma qualunque sistema realmente democratico non può dimenticare il rispetto anche dei luoghi dove la democrazia si esercita per eccellenza, che sono le sedi consiliari. Perché è in quei luoghi che gli eletti rappresentano le volontà popolari. Le pagine dei giornali non possono sostituire i luoghi istituzionali della partecipazione democratica.  La legge che istituisce la città unica Cosenza-Rende-Castrolibero invece, è stata approvata in consiglio regionale nel silenzio delle opposizioni che hanno preferito disertare l’aula, rinunciando così al confronto e venendo meno al dovere politico di rappresentanza verso i propri elettori, salvo poi a far sentire la propria voce all’indomani tramite le testate giornalistiche. I giornali con il massimo rispetto per gli  organi di stampa fanno informazione ma la volontà popolare si costruisce in consiglio regionale. Tuttavia è necessario spostare l’attenzione da questioni procedurali che alla fine poco interessano i cittadini ed innestare il ragionamento di argomentazioni centrate sui reali benefici che devono necessariamente ricadere sulla popolazione da un’operazione politica di tale importanza come l’unificazione di comuni come Cosenza e Rende e Castrolibero che sono importanti per numero di abitanti, forti connotazioni identitarie con i rispettivi territori, per cultura e tradizione. Tra questi è innegabile che un unico Consiglio Comunale consentirà di superare le tante barriere che hanno finora ostacolato la programmazione e la realizzazione, in maniera armonizzata, di una serie di interventi, da parte di amministrazioni distinte e non sempre allineate. L’abolizione di confini amministrativi e di steccati ideologici che oggi frammentano un territorio naturalmente contiguo spalancherebbe le porte all’attuazione di percorsi amministrativamente virtuosi, a partire dall’unificazione o integrazione di servizi per il cittadino, i cui livelli di qualità attuali devono comunque segnare un consistente innalzamento. Questi percorsi saranno certamente irti di insidie, che i nuovi amministratori sono chiamati sin d’ora a prevenire e, quando servirà, a superare, con un rinnovato impegno e con l’unico obiettivo di rendere la città unica il mezzo più adeguato per raggiungere il fine del benessere dei suoi abitanti.

* Candida Tucci – Segretario cittadino;  Giovanni Gentile – Presidente;  Giacomo Martirano – Responsabile Programmazione Unitaria

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x