Ultimo aggiornamento alle 19:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la vertenza

Discarica di Alli di Catanzaro, nessun licenziamento per i 18 lavoratori dell’impianto

Talerico riferisce della positiva interlocuzione tra l’assessore regionale Minenna e il commissario di Arrical Gualtieri

Pubblicato il: 13/06/2023 – 19:06
Discarica di Alli di Catanzaro, nessun licenziamento per i 18 lavoratori dell’impianto

CATANZARO «I 18 dipendenti addetti all’impianto di Alli (Catanzaro) non verranno più licenziati, in quanto la procedura di licenziamento collettivo verrà “rinunciata/sospesa” nei prossimi giorni, essendo stata raggiunta una intesa tra Alliscarl e Autorità regionale Idrica e per i Rifiuti della Regione Calabria (Arrical). Lo riferisce il consigliere regionale Antonello Talerico. «Ringrazio l’assessore regionale Marcello Minenna, che negli scorsi giorni, da me compulsato sulla vicenda, ha impresso una accelerazione per individuare una soluzione immediata, contattando il  commissario straordinario di Arrical, Bruno Gualtieri, il quale – spiega Talerico – ha definito con Alliscarl ogni criticità legata alla posizione dei lavoratori, così per come discusso anche nel comitato tecnico che abbiamo tenuto ieri sera in Cittadella.  E’ stato chiarito che le preoccupazioni di Alliscarl erano prive di fondatezza, non fosse altro perché qualora il datore di lavoro avesse subito un danno economico dall’apertura dell’impianto per il mancato conferimento di Rsu per almeno 110/120 tonnellate, avrebbe potuto richiedere – per espressa previsione normativa – ad Arrical un ristoro, senza dover invece bloccare le attività dell’impianto per come è di poi avvenuto.   E’ stato pertanto ribadito il corretto comportamento di Arrical che ha voluto tutelare anche i lavoratori ed il futuro dell’impianto di “Alli” destinato a diventare –  ad ultimazione dei lavori  –  l’unico impianto nel Meridione in grado di produrre energia. Nel riepilogare quanto occorso è giusto ricordare che Alliscarl subentrata nell’appalto il 9 giugno 2020 dapprima ha chiuso la linea della selezione della plastica (per asserita difficoltà nello smaltimento del materiale plastico), senza mai aver iniziato la costruzione del nuovo impianto, dipoi si è proseguito con la chiusura della linea di selezione dell’organico, che in definitiva determinato condizioni di esubero degli spazi per l’eccesso accantonamento dei rifiuti che di fatto hanno bloccato le attività dell’impianto.  Non vi era pertanto – sostiene ancora Talerico – alcun atto amministrativo da adottare da parte dell’ Autorità regionale Idrica e per i Rifiuti della Regione Calabria (Arrical), per come era stato riportato da Alliscarl. La giusta sinergia tra l’assessore Minenna ed il commissario di Arrical Bruno Gualtieri ha consentito di risolvere una questione che interessava ben 18 lavoratori, che nei prossimi giorni avranno contezza della conservazione del proprio posto di lavoro».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x