Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’analisi

Nuovo affondo di Gratteri: «Nella lotta alle mafie non si sta facendo abbastanza»

Il procuratore di Catanzaro al Festival della Parola a Parma: «Serve un sistema giudiziario più duro. In Emilia cosche non infiltrate ma radicate»

Pubblicato il: 01/07/2023 – 21:29
Nuovo affondo di Gratteri: «Nella lotta alle mafie non si sta facendo abbastanza»

PARMA «Bisogna creare un sistema giudiziario diverso da quello che c’è oggi, cioè un sistema più efficiente, più duro, meno conveniente per chi intende delinquere. Si sta facendo abbastanza? No, non si sta facendo abbastanza».  Lo ha detto il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri intervistato dalla “Gazzetta di Parma” in occasione del “Festival della Parola” in corso nel capoluogo emiliano. Gratteri (nella foto in copettina fornita dall’Ufficio stampa del Festival della Parola) si è anzitutto soffermato sulle infiltrazioni della mafia, ‘ndrangheta anzitutto, in Emilia Romagna: «Le mafie – ha spiegato il procuratore capo della Dda di Catanzaro – sono presenti dove c’è da gestire denaro e potere, cercano di insediarsi nella zone ricche perché è più facile mimetizzare la ricchezza ed è più produttivi e redditizio. Le mafie sono molto presenti in Emilia Romagna, sono radicate, non solo infiltrate. Perché nel corso dei decenni si è sottovalutato e negato il fenomeno, si è detto che le mafie non ci sono, che in Emilia Romagna avete gli anticorpi e quindi come avete combattuto il nazismo e il fascismo siete in grado di combatterle le mafie quando arriveranno, e invece erano già in casa.  Le mafie – ha quindi aggiunto Gratteri –  sono molto presenti nel mondo della ristorazione, alberghi, ristoranti, pizzerie, sono molto presenti nell’edilizia, sono molto bravi, la ‘ndrangheta è presente nell’acquisto di terreni e latifondi anche per ottenere contributi importanti dalla Comunità Europea o dalla Regione Emilia Romagna, o dalle Regioni in genere». Per Gratteri infine «bisogna creare un sistema giudiziario diverso da quello che c’è oggi, cioè un sistema più efficiente, più duro, meno conveniente per chi intende delinquere. Si sta facendo abbastanza? No, non si sta facendo abbastanza. Ci vorrebbe più impegno da parte di tutti, più coerenza da parte di tutti ma soprattutto un sistema penale processuale e detentivo proporzionato a questa realtà criminale». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x