Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

grandi opere

I sindaci del Terzo Megalotto “occupano” la Prefettura: «Vogliamo parlare con Meloni»

La protesta dei comuni di Cassano, Villapiana, Francavilla, Cerchiara, Albidona, Amendolara e Roseto. «Troppo silenzio sull’infrastruttura»

Pubblicato il: 17/07/2023 – 11:31
I sindaci del Terzo Megalotto “occupano” la Prefettura: «Vogliamo parlare con Meloni»

COSENZA I sindaci dei comuni interessati dalla realizzazione del Terzo Megalotto della statale 106 (Cassano, Villapiana, Francavilla, Cerchiara, Albidona, Amendolara e Roseto) stanno attuando da stamattina un presidio di protesta bianca pacifica in Prefettura a Cosenza. Chiedono un incontro alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Oggetto della richiesta è quello di avere notizie sullo stato di realizzazione delle opere di compensazione ambientale del Terzo Megalotto della Statale 106 jonica e chiedono di incontrare il presidente del Consiglio dei Ministri.

I sette sindaci che hanno avviato la protesta


Giovanni Papasso, Paolo Montalti, Gaetano Tursi, Antonio Carlomagno, Leonardo Aurelio, Antonello Ciminelli (in rappresentanza del sindaco di Amendolara) e Rosanna Mazzia chiedono udienza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per superare la fase di stallo che si è creata in merito alle opere di compensazione dell’infrastruttura e riguardo agli svincoli dopo il silenzio di questi anni e tutte le relative richieste disattese. Secondo quanto si legge in una nota, i primi cittadini «chiedono notizie in merito a:

  • l’erogazione delle somme spettanti ad ogni singolo Comune per le opere di compensazione ambientale dovrà avvenire secondo la ripartizione a suo tempo stabilita presso l’Anas e per un importo totale pari ad euro 18.700.000 circa dovrà avvenire direttamente ai Comuni stessi che provvederanno a progettare successivamente secondo i criteri stabiliti dalla Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale (VIA), così come avvenuto per il Parco archeologico di Sibari;
  • l’eventuale demolizione del viadotto Pagliara (Trebisacce) non può essere compresa nella somma di euro 18.700.000 circa prevista per le opere di compensazione ambientale. Dovrà essere determinata una apposita somma per come stabilito e concordato nella riunione tenutasi a Roma nell’anno 2014;
  • per quanto riguarda i semisvincoli si conferma la volontà di prevedere nuovamente la realizzazione quelli di Cassano, Villapiana, Albidona e Trebisacce per permettere agli abitanti di usufruire a pieno della nuova infrastruttura».
Il momento dell’ingresso dei sindaci nella Prefettura di Cosenza

Il presidio in Prefettura è in corso e, continua la nota, «lo sarà fino a quando non verranno esaudite le loro richieste ignorate per troppo tempo. Nessuna rimostranza nei confronti della Prefettura, anzi, è stato scelto questo luogo proprio in virtù della fiducia riposta in sua eccellenza il Prefetto di Cosenza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x