Ultimo aggiornamento alle 19:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Concorso per Ostetricia e Ginecologia a Cosenza, «l’Ao non ha contrattualizzato i vincitori»

Replica degli avvocati Ciambrone e Mascaro. «L’avvocato Russo non era presente nel giudizio al Consiglio di Stato»

Pubblicato il: 30/07/2023 – 10:45
Concorso per Ostetricia e Ginecologia a Cosenza, «l’Ao non ha contrattualizzato i vincitori»

Riceviamo e pubblichiamo.

In relazione alla nota di stampa diffusa dall’avvocato Federica Russo dobbiamo con stupore rilevare che viene discussa la portata della decisione del CdS da parte di un legale che non era né firmataria della memoria di costituzione avversa al nostro appello e né è venuta in udienza a discutere innanzi al CdS in Roma. Ciò precisato perché per comprendere appieno, a nostro parere, le decisioni dei Giudici delle Magistrature Superiori bisogna essere abilitati e esercitare abitualmente e nemmeno occasionalmente innanzi a loro.
La decisione, con sospensione, lo ribadiamo, dell’impugnata sentenza per come in motivazione, ha accolto in sede cautelare i due motivi principali dell’appello tanto che, scrivono i giudici romani, devono essere approfonditi nel merito. Se non fosse stato così, questo sì un mero auspicio dell’avvocato Federica Russo, l’appello sarebbe stato respinto con condanna alle spese ma così all’evidenza non è stato. Potremmo aggiungere di più, soprattutto in relazione ai termini scomposti come “grottesca” oppure “falsità della notizia” usati nella replica dell’avvocato che però comprendiamo umanamente in quanto seppur non è il legale innanzi al CdS dei due vincitori del concorso in questione è pur sempre la sorella e la cognata dei due vincitori concorsuali.
Teniamo a ribadire che anche in sede di discussione, ove l’avvocato Federica Russo era ovviamente assente, abbiamo ribadito (oltre ad averlo scritto nell’atto di appello) che la ricorrente e nostra patrocinata Tiziana Russo non aveva alcun interesse ad aggravare la nota carenza di medici nel reparto di ginecologia di Cosenza ed ecco perché l’unico passaggio motivazionale citato dalla replica avversaria attiene al bilanciamento degli interessi contrapposti.
A noi basta tutto il resto che è molto chiaro e preciso nell’indicare i due motivi principe di eventuale accoglimento e dell’annullamento dell’intera prova concorsuale che andrà, quindi, ripetuta. Ovviamente l’accoglimento dei due motivi con prognosi favorevole del CdS, per come motivato, comporterà la caducazione automatica dei due contratti di lavoro che i due vincitori dovessero stipulare. Questo aspetto è molto chiaro all’Azienda Ospedaliera di Cosenza che da oltre un anno si è guardata bene, infatti, dal contrattualizzare i due vincitori.
Il resto è una sterile quanto poco nobile polemica che la scrivente difesa, che da decenni ormai svolge quasi esclusivamente la professione innanzi le Magistrature Superiori, non intende in questa sede neppure trattare in nome e per conto della propria patrocinata. Tanto dovevamo.

Avvocati Luigi Ciambrone e Antonella Mascaro

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x