Ultimo aggiornamento alle 8:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Serie B, il Tar del Lazio respinge il ricorso della Reggina

Atto dichiarato «improcedibile». Ieri l’udienza in cui i legali della società avevano chiesto la riammissione. Prossimo step il Consiglio di Stato

Pubblicato il: 03/08/2023 – 14:46
Serie B, il Tar del Lazio respinge il ricorso della Reggina

REGGIO CALABRIA Il Tar del Lazio (Sezione Prima Ter) ha respinto il ricorso (definendolo “improcedibile”) presentato dai legali della Reggina (Enrico Lubrano, Paolo Rodella, Donato Patera e Fabio Cintioli) che ieri, nel corso dell’udienza davanti al Tar del Lazio, avevano chiesto la riammissione nel campionato di serie B della società amaranto (insieme a loro erano presenti anche l’ex proprietario Felice Saladini e il suo socio Angelo Ferraro). Accolto invece il ricorso del Lecco che dunque viene riammesso in cadetteria. Respinto il ricorso incidentale presentato dal Perugia calcio “per la conseguente conferma della non ammissione del Calcio Lecco 1912 s.r.l. alla Serie B 2023/2024”. Dopo l’accoglimento da parte del Tar del Lazio del ricorso presentato dal Lecco, la Lega di Serie B, che aveva già deciso di iniziare comunque il campionato il 18 agosto – con il format delle 20 squadre – ha già prontamente inserito sul proprio sito ufficiale il club lombardo nel calendario e nella classifica, lasciando solo una X legata al destino del posto della Reggina.
Nel corso dell’udienza di ieri gli avvocati del club reggino avevano sostenuto che l’omologa del debito aveva bisogno di tempi diversi da quelli richiesti dalla Figc, che entro il 20 giugno chiedeva di depositare tutti i documenti come da regolamento per altro sottoscritto a inizio stagione da tutte le società. «È una pena abnorme – avevano evidenziato gli avvocati – quella che vogliono dare alla Reggina, condannano a morte un’impresa contrariamente a quello che dice il codice per le crisi di impresa. La Reggina avrebbe potuto pagare tutto entro il 20 giugno, ma il debito non era ancora scaduto essendoci una sentenza del Tribunale di Reggio Calabria che indicava il 12 luglio come termine ultimo. La società amaranto ha un equilibrio finanziario impeccabile». Sempre durante l’udienza l’avvocato della Lega di B a nome delle 18 squadre sicure di partecipare al campionato cadetto (Catanzaro e Cosenza compresi), aveva chiesto l’esclusione della Reggina per salvaguardare “l’equa competizione”. 
Oggi la sentenza del Tar che conferma, dunque, l’esclusione dalla B del club amaranto che a questo punto, dopo le motivazioni della sentenza del Tar che dovrebbero arrivare tra poco più di una settimana, si rivolgerà sicuramente al Consiglio di Stato per provare a riprendersi la serie B. Se il Consiglio di Stato dovesse confermare l’esclusione della Reggina dalla serie B, al posto della squadra amaranto dovrebbe essere ripescato il Brescia. Nel frattempo, domani si terrà un Consiglio federale che affronterà tra i temi del giorno proprio la composizione della Serie B, anche se l’ultima parola in tal senso spetterà appunto al Consiglio di Stato, che dovrebbe esprimersi il prossimo 29 agosto. Da più parti, però, sta emergendo l’ipotesi che la data possa essere anticipata.

Antoniozzi: «Reggina come il Cosenza di Pagliuso»

Sulla sentenza è intervenuto il vice capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Alfredo Antoniozzi, definendo la decisione del Tar simile a quella vissuta dal Cosenza calcio nel 2003. «La decisione del Tar del Lazio – afferma Antoniozzi – che rigetta il ricorso della Reggina per la riammissione in Serie B ci riporta a vent’anni fa, quando il Cosenza di Pagliuso è stato ingiustamente escluso dal calcio professionistico. Confidiamo che il Consiglio di Stato in sede di urgenza possa ribaltare la decisione del Tar». «Vorremmo chiedere alla Figc – continua il deputato – come sia possibile che nel grande calcio italiano esistano club con centinaia di milioni di euro di debiti, che fanno regolarmente mercato, e come ci si possa accanire su una città metropolitana che rappresenta la storia del Sud». (f. v.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x