Ultimo aggiornamento alle 16:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

«Aree interne abbandonate e senza servizi. Ponte sullo Stretto inutile senza strade per arrivare a Villa»

Il sindaco di Camini Giuseppe Alfarano parla della realtà del piccolo centro reggino: «Ci sentiamo fuori dal mondo. Meritiamo rispetto»

Pubblicato il: 22/08/2023 – 7:53
di Mariateresa Ripolo
«Aree interne abbandonate e senza servizi. Ponte sullo Stretto inutile senza strade per arrivare a Villa»

REGGIO CALABRIA Aree interne «ai margini», assenza di servizi, da quelli sanitari a quelli relativi ai trasporti. Strade dissestate e pericolanti. «Siamo stanchi di sentirci marginalizzati. Ci sentiamo fuori dal mondo». Giuseppe Alfarano, sindaco di Camini, piccolo centro in provincia di Reggio Calabria, nei giorni scorsi aveva diffuso una lettera in cui denunciava pubblicamente le condizioni delle strade provinciali e in particolar modo quella che collega Camini a Riace. «Meritiamo maggiore attenzione», rilancia il primo cittadino dalle pagine del Corriere della Calabria, che parla di viabilità, trasporti pubblici, sanità: «È necessario mettere in sicurezza quello che abbiamo».

«Andrebbe fatta una programmazione»

«Frane, più o meno consistenti, si registrano ovunque. Continui avvallamenti. Buche che, specie nei periodi di pioggia, diventano delle vere e proprie trappole. Tranne qualche sporadico intervento di decespugliamento, per il resto il nulla», spiega il primo cittadino. Sul tema – dice Alfarano – «la Città metropolitana si esprime dicendo che non ci sono fondi, però poi vedo che in altri posti si interviene, qui siamo nell’estrema periferia. Per arrivare all’ospedale più vicino ci impieghiamo un’ora».

Fondi mancanti per i piccoli centri, ma progetti in corso per nuove infrastrutture, come il Ponte sullo Stretto, che il primo cittadino commenta così: «Promettono che faranno il Ponte sullo Stretto, ma se non abbiamo le strade per arrivarci che ce ne facciamo? Per carità sarà sicuramente un’opera grandissima che servirà per molte cose, ma attualmente come siamo messi con le strade non sappiamo neanche se ci arriviamo a Villa San Giovanni. Non ha senso. Andrebbe fatta una programmazione e mettere in sicurezza quello che abbiamo. Solo dopo si può pensare di mettere in campo nuove strutture e infrastrutture che possono aiutare tutto il territorio».

«Dal Governo chiediamo maggiore attenzione alle aree interne, meritiamo rispetto»

Da parte del primo cittadino c’è tanta preoccupazione, nonostante gli sforzi profusi per far rinascere il piccolo centro reggino, le cose non sembrano migliorare. E le preoccupazioni si fanno più grandi se si pensa alla carenza di presidi sanitari: «I paesini dell’entroterra hanno bisogno anche di piccole strutture per le emergenze. Tutto questo non c’è. Chi si sente male in questi paesini è sicuro di dover partire, ma non sa se arriva. A Camini abbiamo fatto di tutto per far rinascere una comunità. La nostra è una comunità multietnica, ci occupiamo di accoglienza. Abbiamo b&b, riaperto le scuole, le attività si sono ossigenate e ne abbiamo aperte altre: una galleria d’arte, un laboratorio di apicoltura. Siamo una comunità in crescita e vorremmo un po’ più di rispetto. Se poi – dice infine Alfarano – l’intento del Governo è quello di far morire le aree interne perché l’intento è quello di tagliare, perché siamo dei numeri, ce lo dicano tranquillamente così facciamo ciò che possiamo senza chiedere nulla».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x