Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

reati ambientali

Sequestrata a Catanzaro una discarica abusiva di 15 mila metri quadrati

Il reato ipotizzato è quello di raccolta e deposito non autorizzato in maniera incontrollata di rifiuti speciali potenzialmente pericolosi

Pubblicato il: 31/08/2023 – 14:02
Sequestrata a Catanzaro una discarica abusiva di 15 mila metri quadrati

CATANZARO Nell’ambito della collaborazione tra Polizia Locale e Guardia Costiera nel perseguimento di reati ambientali di diversa tipologia, gli uomini del Nucleo di polizia ambientale del Comando dei vigili urbani, diretto dal tenente colonnello Salvatore Tarantino e quelli dell’Ufficio circondariale marittimo  Soverato, diretto dal tenente di vascello Leo Spina, hanno proceduto al sequestro penale di una discarica abusiva dalla ragguardevole superficie di 15.000 metri quadrati, ubicata in un’area al centro/sud del territorio comunale.
Il reato ipotizzato a carico della proprietà, cui ha fatto seguito la denuncia all’autorità competente, è quello di raccolta e deposito non autorizzato in maniera incontrollata di rifiuti speciali potenzialmente pericolosi.
Sull’area, Polizia Locale e Guardia Costiera hanno rinvenuto un po’ di tutto: laterizi e infissi, derivanti da operazioni di demolizione e costruzione, plastica, ferro, auto in disuso, motori e pezzi di ricambio in disuso di autovetture, pneumatici in disuso, elettrodomestici, materiale coibentato, filtri olio, guaina bituminosa e altro.  


L’operazione ha suscitato l’apprezzamento del sindaco Fiorita che l’ha definita “brillante” nei risultati ma si è anche detto “compiaciuto” per la proficua collaborazione che si è instaurata tra i due corpi. «È doveroso da parte mia – ha detto il primo cittadino – ringraziare la Guardia Costiera e la nostra Polizia Locale per questa operazione ma anche per quelle che l’hanno preceduta. Il tema dell’ambiente ci sta particolarmente a cuore e se da un lato stiamo cercando di promuovere tra i cittadini la cultura della sua tutela, dall’altro sappiamo di non poter fare a meno dell’attività repressiva nei confronti di chi non tiene in alcuna considerazione il valore dei beni comuni. La collaborazione tra chi ha il compito di far rispettare le regole in materia ambientale è un valore aggiunto perché dà all’opinione pubblica la percezione di un fronte comune e determinato nel contrasto a questa forma di illegalità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x