Ultimo aggiornamento alle 14:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’evento

Calabria protagonista della 35esima edizione del SANA – VIDEO

A Bologna la nuova edizione del Salone Internazionale del Biologico e del Naturale. D’Eramo: «La Calabria è stata fantastica»

Pubblicato il: 08/09/2023 – 17:53
Calabria protagonista della 35esima edizione del SANA – VIDEO

BOLOGNA Quando fu immaginato era forse una visione ma il tempo, dopo tre decadi ed un lustro, ha certificato come il Salone Internazionale del Biologico e del Naturale fosse solo in anticipo,  oggi analizzare l’andamento del settore, interpretarlo ed anticiparne le novità sono ritenute operazioni essenziali per il sistema agricolo nazionale.

SANA

La 35esima edizione del Salone, noto con l’acronimo SANA, ha aperto ufficialmente i battenti con numeri significativi, oltre 650 aziende espositrici (il 15% delle quali dall’estero) e 20.000 mq di superficie espositiva. La manifestazione è organizzata da BolognaFiere in collaborazione con AssoBio, FederBio e Cosmetica Italia, con il supporto di ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e il patrocinio del Ministero della transizione ecologica e della Regione Emilia-Romagna.

Calabria in cattedra

Nei padiglioni anche lo stand della Calabria, regione che pur piccola per dimensioni e superficie agricola utilizzata è perfettamente  in grado, in questo settore, di salire in cattedra. E farlo sulla scorta di risultati già ottenuti, se infatti l’Unione Europea ha fissato per il 2030 il target del 25% dei terreni a coltivazione biologica,  l’Italia si è data come obiettivo di anticipare questa scadenza al 2027, la Calabria è già oltre con il 36% già raggiunto. Nella nostra regione, infatti, su 543mila ettari di superficie agricola utilizzata ben 193.616 sono già coltivati in biologico.

D’Eramo: «La Calabria è stata fantastica»

A rappresentare il Governo e visitare ieri lo stand della Regione Calabria  il sottosegretario di Stato al Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Luigi D’Eramo. «il settore biologico – ha sottolineato il sottosegretario ai nostri microfoni – è uno dei pilastri della nostra qualità e cuba quasi 5 miliardi di euro all’anno. L’Italia ha scelto di anticipare di 3 anni l’obiettivo fissato dall’Unione Europea e da questo punto di vista dobbiamo dire che la Calabria è stata a fantastica e qualifica  i suoi prodotti come assolutamente attrattivi rispetto ai mercati nazionali ed internazionali». «La produzione biologica nella vostra regione – ha aggiunto D’Eramo – è una realtà importante e contribuisce significativamente al target nazionale».

Obiettivo: un marchio biologico italiano

Ma sul biologico le considerazioni  del sottosegretario vanno oltre e non investono solo ed unicamente la qualità dei prodotti «quando parliamo di produzione biologica il ragionamento si amplia, è chiamato in causa il nostro Made in Italy. Dopo l’approvazione della legge sul biologico, che abbiamo iniziato ad attuare attraverso i decreti, stiamo lavorando ad un altro ambizioso obiettivo e cioè quello di giungere all’istituzione di un marchio biologico italiano che certifichi ulteriormente e renda ancor più competitivi i nostri prodotti sui mercati internazionali». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x