Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’intervento

“Stoccata” di Sposato alla Giunta: «Non faccia propaganda sul lavoro precario»

Il segretario generale della Cgil Calabria è intervenuto alla festa de “L’Unità” di Castrovillari: «Il governo delle destre ha cancellato il Sud»

Pubblicato il: 15/09/2023 – 12:02
“Stoccata” di Sposato alla Giunta: «Non faccia propaganda sul lavoro precario»

CASTROVILLARI «La vicenda della 106 è emblematica, come l’alta velocità e la questione della ferrovia jonica, e ti fa capire che questo è un governo che ancora non ha concentrato i temi che riguardano lo sviluppo del Mezzogiorno. Il governo delle destre ha completamente cancellato il Sud sui temi dello sviluppo, del lavoro, della salute, delle infrastrutture». Lo ha detto Angelo Sposato, segretario generale della Cgil Calabria, intervenendo ad un dibattito alla Festa de l’Unità a Castrovillari sul tema: “Autonomia differenziata e infrastrutture al Sud”.
«Il decreto Sud – ha aggiunto Sposato – porta solo il nome e la Zes unica è un modo per cancellare gli interventi nelle regioni più svantaggiate come la Calabria. In questo contesto la nostra regione, dopo aver subito definanziamenti sulle infrastrutture strategiche, revoche di progetti sull’ idrogeno dalle partecipate (Enel Rossano), mancata possibilità di fare assunzioni nella sanità, abbandono degli oltre 30.000 beneficiari del reddito di cittadinanza, rischiando di rimanere schiacciata dalla propaganda della Lega sull’autonomia differenziata e ponte sullo stretto, entrambe irrealizzabili per mancanza di risorse».
«Parlare oggi di autonomia differenziata – ha sostenuto ancora il segretario generale della Cgil calabrese – in un momento in cui non si possono garantire i Lep, perché i 100 miliardi di euro necessari per garantirli non ci sono, si continuare a fare una differenziazione e rischiare di aumentare il divario che c’è tra Nord e Sud. Oggi più che mai servire una mobilitazione, noi siamo già mobilitati. Il 7 ottobre saremo a Roma proprio per porre questi temi, quello della Costituzione, dell’Autonomia differenziata e, soprattutto, i temi del Mezzogiorno, degli investimenti, della Salute e del lavoro. In questo momento il tema centrale dovrebbe essere il lavoro, servire un lavoro che sia dignitoso, servire un’attività che metta a bando la precarietà, quindi una lotta alla povertà. Sono tutti temi che il governo non sta assolutamente svolgendo e per questo noi saremo in piazza e su questo richiameremo anche la responsabilità del governo regionale che si è offuscato rispetto alla fase iniziale».
«Oggi più che mai – ha detto ancora – serve una mobilitazione, noi siamo già mobilitati. Il 7 ottobre saremo a Roma proprio per porre questi temi, quello della Costituzione, dell’Autonomia differenziata e, soprattutto, i temi del Mezzogiorno, degli investimenti, della Salute e del lavoro. In questo momento il tema centrale dovrebbe essere il lavoro, servire un lavoro che sia dignitoso, servire un’attività che metta a bando la precarietà, quindi una lotta alla povertà. Sono tutti temi che il governo non sta assolutamente svolgendo e per questo noi saremo in piazza e su questo richiameremo anche la responsabilità del governo regionale che si è offuscato rispetto alla fase iniziale».
«La giunta regionale – ha concluso Sposato – invece di creare condizioni di sviluppo e lavoro annuncia di voler chiudere gli unici impianti energetici ecosostenibili esistenti come la centrale a biomasse del Mercure. Al governo regionale vogliamo dire di non fare propaganda sul precariato e sullo stato di bisogno di lavoro».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x