Ultimo aggiornamento alle 21:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la nomina

Riccardo Giacoia è il nuovo capo redattore della Tgr Rai della Calabria

Prende il posto di Pasqualino Pandullo. Un passato al Tg1 con numerosi reportage sulla ‘ndrangheta

Pubblicato il: 19/09/2023 – 7:51
Riccardo Giacoia è il nuovo capo redattore della Tgr Rai della Calabria

COSENZA Alessandro Casarin, direttore della Testata Giornalistica Regionale della Rai, lo ha fortemente voluto e alla fine la direzione generale ha chiuso il cerchio: è il giornalista Riccardo Giacoia il nuovo capo redattore della Tgr Rai della Calabria che, da oggi, prende il posto di Pasqualino Pandullo al primo piano della sede di Viale Marconi a Cosenza. Alla fine, la direzione generale della Rai, su proposta dello stesso direttore Alessandro Casarin, ha scelto lui su tutti gli altri sette candidati che hanno partecipato alla selezione.

Ma chi è Riccardo Giacoia?

Alle spalle tanta gavetta vera e tanta professione maturata sul campo, per strada, in giro per paesi e contrade senza mai fermarsi. Una passione per il giornalismo respirata a casa sin da piccolo e che oggi lo vede proiettato dove suo padre Emanuele Giacoia intimamente sperava che un giorno potesse arrivare. Mi piace ricordare anche che il nuovo responsabile della redazione giornalistica della Rai calabrese da domani avrà lo stesso ruolo che, in passato, ha avuto suo padre, Emanuele Giacoia, uno dei grandi protagonisti della storia del giornalismo calabrese.
Riccardo Giacoia è stato finora vice caporedattore della Tgr Calabria. Dal 2011 al 2013 ha lavorato al Tg1, dove ha seguito i più importanti avvenimenti di cronaca italiana, dal processo sulla trattativa Stato-mafia a Palermo, alla cattura del numero due della camorra Caterino (che riuscì a intervistare in esclusiva), dal terremoto in Emilia Romagna allo scandalo del calcio scommesse a Cremona. A causa delle tante e delicate inchieste sul crimine organizzato ha ricevuto più volte minacce di morte. Prima e dopo la parentesi romana del Tg1 è stato autore di numerosi reportage sulla ‘ndrangheta, dalla strage di Duisburg alle navi dei veleni, dai traffici di rifiuti tossici allo sfruttamento dei braccianti africani nella Piana di Gioia Tauro e alla piaga del caporalato nella Sibaritide. Particolare interesse hanno suscitato le tante interviste a collaboratori e testimoni di giustizia. Per la Tgr ha curato anche inchieste in Australia, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Turchia per le rubriche Levante e Mediterraneo.
Ha collaborato per molti anni con la rubrica Tg2 Storie. Collabora attualmente con il rotocalco di approfondimento del Tg1 Tv7 e con Speciale Tg1. Il nuovo direttore dei servizi giornalisti Rai in Calabria è nato a Cosenza il 7 aprile 1963, vive a Mendicino, è diventato giornalista pubblicista dal 1986 ed è giornalista professionista dall’11 marzo 1997.
Per il suo impegno professionale ha ricevuto molti riconoscimenti, tra gli altri il Premio Losardo per la Legalità 2010 e il Premio Legalità “Rosario Livatino” nel 2013, mentre nel 2011 è stato ospite del Festival del Giornalismo di Perugia per raccontare la sua vicenda di giornalista minacciato dalla mafia. Prima di entrare in Rai ha lavorato per Telespazio Calabria, che era la tv privata più importante dell’epoca. Insomma, un giornalista televisivo completo a 360 gradi, sebbene abbia avuto da giovanissimo anche esperienze professionali importanti con Il Mattino e con la Gazzetta del Sud.
Incominciò a fare questo mestiere per caso. Era l’agosto del 1985. Io allora ero già in Rai e sapevo della sua voglia matta di scrivere qualcosa su un giornale, così una mattina lo chiamai a casa e gli proposi di scrivere alcuni pezzi di cronaca bianca per Il Mattino di Napoli, giornale per il quale allora ancora collaboravo. Prima mi rispose di no, poi qualche minuto dopo mi richiamò per telefono e mi raggiunse in Rai. (giornalistitalia.it)

Gli auguri di buon lavoro di Mancuso

«Rivolgo un sincero augurio di buon lavoro al nuovo capo redattore della Tgr Rai della Calabria Riccardo Giacoia, giornalista dalla lunga e qualificata esperienza maturata sul campo, sempre attento a far prevalere la verità sostanziale dei fatti raccontati con la necessaria obiettività». Lo dice il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, che aggiunge: «Il Servizio pubblico radiotelevisivo è fondamentale in una regione che deve ispessire la sua  dimensione comunitaria e fermare le sue storiche tendenze alla divisione, per promuovere, in una logica di sistema, sviluppo sostenibile e crescita sociale. Inoltre,  gioca un ruolo di primo piano, in particolare nella sfida della coesione territoriale che implica il superamento del divario Nord-Sud, e per vincerla ritengo che le redazioni regionali della Rai, a partire dalla Calabria con la sua squadra di ottimi professionisti,  abbiamo un ruolo nevralgico».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x