Ultimo aggiornamento alle 13:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il racconto

Locri, la donna che subisce violenza da 60 anni. «È una vita che sono sottomessa»

Un matrimonio combinato, la ‘ndrangheta e le aggressioni del nipote. La storia della 79enne che si è rifugiata nel centro “Angela Morabito”

Pubblicato il: 04/10/2023 – 7:15
Locri, la donna che subisce violenza da 60 anni. «È una vita che sono sottomessa»

LOCRI «Ho paura, ma che cosa posso fare? A casa non posso tornare…è una vita che sono sottomessa». A parlare, quasi con rassegnazione, è M., una donna di Locri che pochi giorni fa si è rivolta al centro antiviolenza “Angela Morabito”. «Puttana, se vieni qui ti ammazzo» le aveva urlato il nipote, dopo aver rotto il femore e la spalla alla madre, ora ricoverata. M. è, invece, riuscita a scappare, rifugiandosi nel centro gestito dalla diocesi Locri-Gerace. Ha 79 anni, di cui 60 passati a subire violenza domestica da tre generazioni differenti, dal marito al nipote. La storia, raccontata al Fatto Quotidiano, è quella di tante donne che crescono e vivono in contesti di ‘ndrangheta.

Dal matrimonio combinato agli omicidi

M. per interessi della criminalità organizzata è costretta dal padre a sposarsi presto con il rampollo di una famiglia blasonata negli ambienti di ‘ndrangheta. Quel matrimonio combinato dà inizio al suo incubo. Prima subisce la violenza del marito, fino al giorno del suo omicidio durante la faida di Guardavalle. «Lui – racconta – è morto giovane, in un incidente..». Poi le è toccato subire botte dal figlio, fino a quando viene ucciso nella faida di Siderno. «Anche lui era prepotente e anche lui non c’è più: una disgrazia». Infine, sarà il nipote, il figlio della figlia, ad ereditare la mentalità violenta e patriarcale della ‘ndrangheta. Lui le aveva chiuso il cancello con un lucchetto, obbligandola a chiedere l’autorizzazione per ogni uscita. «Ha la testa che si è un po’ rovinata: un po’ ci è nato, un po’ è stato tirato». Il riferimento è alla zia, la sorella di M., l’unica ammessa a partecipare ai summit tra maschi. «Lei non era una donna di ‘ndrangheta. Mia sorella era la ‘ndrangheta».

La ‘ndrangheta patriarcale

«Eravamo convinti che ci saremmo occupati per lo più di migranti» spiega Vittoria Bagalà al Fatto. Invece i numeri dicono che la metà delle donne arriva dai contesti di ‘ndrangheta. «Spesso le nostre ospiti non vogliono andare in commissariato: c’è ancora tanta paura. Non riusciamo neanche a trovare medici che ci compilino i referti, poi ci sono le pressioni delle famiglie di provenienza». Alcune decidono anche di tornare indietro. «Il 30% delle donne che abbiamo accolto purtroppo è tornato indietro, sono rientrate a casa. Ma siamo riuscite a farne accedere tre al programma di protezione. E per noi già strapparne una alla ’ndrangheta è un successo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x