Ultimo aggiornamento alle 14:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

“Rinascita 3”

Riciclaggio internazionale della ‘ndrangheta 2.0, chiuse le indagini per 30 indagati – NOMI

Fulcro dell’inchiesta è la circuitazione di denaro verso l’Ungheria e il resto d’Europa. Indagato chiave il commercialista calabrese Giovanni Barone

Pubblicato il: 05/10/2023 – 14:38
di Alessia Truzzolillo
Riciclaggio internazionale della ‘ndrangheta 2.0, chiuse le indagini per 30 indagati – NOMI

CATANZARO È stata notificata a 30 indagati, questa mattina, la chiusura indagini relativa all’inchiesta della Dda di Catanzaro denominata “Rinascita 3 – Assocompari”, incentrata sugli affari illeciti della cosca Bonavota di Sant’Onofrio e i loro sodali. L’operazione “Rinascita 3” era stata eseguita lo scorso 25 gennaio dal Comando Provinciale Carabinieri di Vibo Valentia. Erano state eseguite otto misure cautelari in carcere e tre misure interdittive del divieto di esercitare attività imprenditoriali o uffici direttivi di persone giuridiche. I reati a vario titolo contestati sono associazione di tipo mafioso (imputazione riguardante 4 soggetti), riciclaggio internazionale aggravato, trasferimento fraudolento di valori aggravato dalle modalità mafiose, truffa internazionale aggravata, ricettazione, reati in materia di navigazione. Dalle indagini coordinate dai sostituti Antonio De Bernardo, Annamaria Frustaci e dal procuratore Nicola Gratteri, è emerso che da un piccolo paesino in provincia di Vibo, Sant’Onofrio, roccaforte della cosca Bonavota, gli affari della consorteria si diramavano in tutta Europa, infatti la Dda di Catanzaro ha collaborato e lavorato – col Ros e i carabinieri della provinciale di Vibo Valentia – insieme a Paesi come l’Ungheria, Cipro, la Francia, la Danimarca e la Gran Bretagna. Fulcro dell’inchiesta è, infatti, il riciclaggio – in particolare una anomala frequenza e circuitazione di denaro verso l’Ungheria – che ha portato gli inquirenti ad avvalersi dell’Unità di informazione finanziaria della Banca di Italia, della collaborazione del progetto ICan e del grande contributo dato da Eurojust. Indagato chiave è Giovanni Barone, 54 anni, commercialista calabrese le cui attività portano allo studio di una avvocatessa Edina Szilagy che operava in Ungheria. L’inchiesta avrebbe permesso di svelare come veniva ripulito il denaro provento dell’attività criminale dell’associazione tra cui alcune truffe milionarie. Secondo l’accusa erano state aperte, dagli indagati italiani in concerto con l’avvocatessa ungherese, tutta una serie di società ungheresi che muovevano il denaro e che operavano nel settore immobiliare e dell’intermediazione finanziaria. Gli inquirenti ricostruiscono come veniva ripulito il flusso di denaro che passava anche da Francia, Danimarca, Gran Bretagna attraverso molteplici trasferimenti sui conti di questi Paesi e veniva reimpiegato in Italia nell’acquisizione di beni immobili o in alcune acquisizioni societarie.

Gli indagati

Gli indagati nei confronti dei quali sono state chiuse le indagini e che da oggi hanno 20 giorni di tempo per chiedere di essere sentiti dai magistrati e produrre memorie difensive sono:

Giovanni Barone;
Basilio Caparrotta, classe ’61;
Basilio Caparrotta, classe ’71;
Giuseppe Fortuna, detto “Peppe”, classe ’77, di Tropea;
Giuseppe Fortuna, detto “Pino”, classe ’63, di Vibo Valentia;
Gaetano Loschiavo;
Edina Szilagyi Margit;
Saverio Boragina;
Annamaria Durante;
Eva Erzsebet Szilagyi;
Raffaele Arone;
Gerardo Caparrotta;
Domenico Cichello, detto “Salvatore”;
Danilo Fiumara;
Francesco Santaguida;
Michele Vitale;
Loris Junior Aracri;
Baxter Kenneth David;
De Luca Giuseppina;
Durante Anna Maria;
Fortuna Luigi detto “mastro Gino”;
Kaye Gavin Marc;
Serrao Antonella Silvia;
Rees Guy Anthony;
Solimeno Fabrizio;
Vesholli Sona;
Vincenzo Barba, classe ’51;
Francesco Caridà;
Gianluigi Cecchi;
Erika Ventrici, classe ’88, di Vibo Valentia;
Marilena Ventrici, classe ’89, di Soriano Calabro.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x