Ultimo aggiornamento alle 17:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il manifesto

Città Unica, le associazioni: «Il progetto dovrà essere sottoposto a referendum»

Lo stabilisce un manifesto pubblicato da associazioni e movimenti politico-culturali di Rende. Prevista un’assemblea giovedì 19 ottobre

Pubblicato il: 11/10/2023 – 16:07
Città Unica, le associazioni: «Il progetto dovrà essere sottoposto a referendum»

RENDE Le associazioni e i movimenti politico-culturali di Rende sottoscrittori del presente manifesto, hanno indetto una assemblea popolare che si terrà giovedì 19 ottobre 2023 alle ore 17:30 presso l’hotel President di Quattromiglia di Rende, per dar luogo ad un confronto democratico sulla questione della Città Unica tra i comuni di Cosenza, Rende e Castrolibero e per assumere le conseguenti determinazioni. I sottoscrittori del presente manifesto propongono che, a seguito del dibattito, sia approvato un documento dal quale risulti:

  1. Che non si esprimono posizioni campanilistiche né, tantomeno, pregiudiziali sulla Città Unica;
  2. Che allo stato non si ritiene praticabile una fusione a freddo dei comuni di Cosenza, Rende e Castrolibero, sia per ragioni finanziarie, essendo il Comune di Cosenza in dissesto per centinaia di milioni di euro; ed, inoltre, perché non è stato predisposto un adeguato studio di fattibilità sulla funzionalità della futura Città Unica;
  3. Che si procede, preliminarmente, alla sperimentazione, per almeno un triennio, della gestione unitaria della programmazione territoriale e dei servizi, attraverso l’istituzione dell’Unione dei Comuni, che comprenda anche il comune di Montalto Uffugo, già parte integrante dell’Area Urbana per storia, cultura, infrastrutture ed economia;
  4. Che l’istituzione dell’Unione dei Comuni e la conseguente attuazione dello studio di fattibilità dovranno essere deliberati dai Consigli Comunali delle municipalità e, dunque, dopo le elezioni del prossimo Consiglio Comunale di Rende;
  5. Che, se la sperimentazione dell’Unione sarà positiva, il progetto di Città Unica dovrà essere sottoposto a referendum deliberativo, da approvare a maggioranza dei voti espressi in ogni singolo comune. Ovviamente, il referendum sarà valido se parteciperà al voto il 50%+1 degli aventi diritto.

I sottoscrittori del presente manifesto propongono, altresì, che l’Assemblea individui un organismo rappresentativo a cui affidare il compito di illustrare le ragioni della comunità rendese nel confronto con gli altri Comuni, con la Regione Calabria, con l’Università della Calabria, con i rappresentanti istituzionali e con le forze politiche e sociali.

RendeSì, Rende l’Idea, Missione Rende, La Primavera di Rende, Rende per Rende, InnovaRende, AttivaRende, Federazione Riformista di Rende, Laboratorio politico “Carlo Rosselli”, Rende Cambia Rende, Partito Socialista di Rende, IdM Rende, Movimento Civico Rende, Aria Nuova – Rende Centro storico, Associazione La Fenice – Centro Storico, Rappresentanza cittadina di Santo Stefano, Ex amministratori Comunali

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x