Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

i controlli

Anomalie a due mense scolastiche nel Catanzarese, denunciato il titolare

I carabinieri e gli uomini del Nas hanno scoperto gli illeciti. I controlli alle scuole di Montepaone e Satriano

Pubblicato il: 17/10/2023 – 17:59
Anomalie a due mense scolastiche nel Catanzarese, denunciato il titolare

CATANZARO Anomalie nella cucina e somministrazione di cibi, detenzione di alimenti senza tracciabilità ed altri illeciti amministrativi. Sono le accuse che hanno mosso i militari delle Stazioni Carabinieri di Satriano e Soverato, in osmosi operativa con i Carabinieri del NAS di Catanzaro all’amministratore unico di una società di catering assegnataria della gestione del servizio di refezione scolastica a Montepaone e a Satriano.
In particolare le anomalie sono state riscontrate dai militari, nell’ambito di un mirato servizio di verifica delle mense scolastiche, che hanno controllato i locali del punto di cottura, ubicato a Satriano e tre refettori, di cui due a Montepaone a servizio rispettivamente della Scuola dell’Infanzia e l’altro della Scuola primaria, nonché uno a Satriano marina unificato per la Scuola dell’Infanzia e Primaria.
Durante l’ispezione, è emerso che l’impresa affidataria della gestione delle mense degli istituti scolastici, in violazione del contratto di fornitura sottoscritto con il Comune di Montepaone, avrebbe predisposto ed utilizzato un unico punto cottura, sito a Satriano, anche per le scuole di Montepaone, dove invece era prevista una cucina centralizzata dedicata presso la Scuola dell’Infanzia. Inoltre i militari avrebbero riscontrato che l’impresa avrebbe utilizzato cibi congelati e surgelati, sottoposti a sequestro amministrativo ed usato piatti riutilizzabili e lavabili, nonché posate in plastica usa e getta al posto di stoviglie biodegradabili e compostabili.
Nella circostanza i Carabinieri hanno contestato allo stesso rappresentante della ditta assegnataria del servizio mensa illeciti amministrativi per un importo complessivo pari ad euro 2.500,00 e hanno proceduto alla sospensione dell’uso di un locale deposito. Qui i militari avrebbero constatato la presenza di circa 15 kg di prodotti alimentari privi di tracciabilità come anche l’uso arbitrario dello stesso come deposito di alimenti, omettendo la comunicazione all’Autorità Sanitaria (Asp). I carabinieri hanno relazionato su quanto verificato oltre che alla Procura anche alle autorità amministrative e sanitarie competenti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x