Ultimo aggiornamento alle 0:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

«Togliere il lavoro fra 15 giorni e non applicare la clausola sociale è un atto di macelleria sociale»

Dura nota del Cobas Abramo Montalto Uffugo sulla vertenza che vede a rischio centinaia di posti di lavoro

Pubblicato il: 20/12/2023 – 16:59
«Togliere il lavoro fra 15 giorni e non applicare la clausola sociale è un atto di macelleria sociale»

MONTALTO UFFUGO “Come Cobas ABRAMO Montalto Uffugo ci ritroviamo a constatare quello che per anni ci sembrava già scritto e che abbiamo più volte ripetuto: che questa azienda, dopo aver arricchito i soliti pochi, era destinata al fallimento e che i commissari altro non abbiano fatto che svuotarla senza mettere in campo nulla di significativo per la salvaguardia dei posti di lavoro e soprattutto senza raggiungere l’obiettivo della vendita prefissato, come da relazioni trimestrali fatte dagli stessi commissari, prima entro la fine del 2023 e poi entro Agosto 2024, termine ultimo visto che il loro mandato è stato prorogato fino a tale data. I commissari, che assieme alla dirigenza aziendale hanno sempre preferito non invitarci ai tavoli perché forse avremmo potuto dare fastidio con domande scomode (visto che altri, per fortuna non tutti, hanno quasi sempre fatto da addetti stampa), non sono sicuramente gli unici colpevoli. Oggi ci sono loro. È giusto che si assumano le loro fallimentari responsabilità. Ma i veri artefici di questo ennesimo scempio nella nostra amata Calabria hanno nomi e cognomi ben precisi: la famiglia Abramo in primis e subito dopo TIM”. Lo riferisce una nota. “Sono loro – prosegue la nota del Cobas Abramo Montalto Uffugo – che, a causa della loro gestione fallimentare, clientelare e rapace, hanno provocato l’avvio del concordato preventivo, facendoci rimanere senza stipendio e tredicesima, guarda caso, prima di Natale nel 2020. Poi arriviamo all’amministrazione straordinaria e, guada caso di nuovo proprio prima del Natale 2021, facendoci rimanere nuovamente senza stipendio e tredicesima. E ora, come regalo di Natale per questo fantastico 2023, ci sbattono fuori perché Tim non rinnova le commesse consumer in scadenza il 31/12/23. Per quanto riguarda TIM, come Cobas TIM a livello nazionale, lo abbiamo già denunciato a più riprese in tutte le sedi possibili: la vendita di Tim al fondo KKR porterà solo licenziamenti e sfruttamento, a partire dai dipendenti stessi e per finire agli Outsourcer che da sempre gestiscono in appalto il traffico per conto di Tim. TIM deve essere UNICA e PUBBLICA, le attività e i LAVORATORI in outsourcing devono essere internalizzati! Più volte durante i tavoli al Mise, dove per fortuna è stato quasi sempre possibile partecipare e dire la nostra, abbiamo ribadito agli addetti ai lavori che Tim doveva essere presente ai tavoli e prendersi le sue responsabilità. Non è accettabile questo licenziamento di fatto dalla sera alla mattina per quasi 500 lavoratori e lavoratrici! Ciò comporterebbe la chiusura delle sedi di Catanzaro, Cosenza e Palermo. Togliere il lavoro fra 15 giorni e non applicare la clausola sociale è un atto di macelleria sociale degno della più barbara gestione ALITALIA! Questa decisione, a nostro avviso, era stata già pianificata qualche mese fa e ci è stata tenuta nascosta per farci continuare a produrre. Riteniamo dirigenza aziendale, commissari e TIM ugualmente responsabili. Dall’altra anche il Presidente Occhiuto e la Regione Calabria avrebbero potuto e potrebbero ancora far sentire la loro voce e il loro peso. Il presidente fa parte di una forza di maggioranza che governa questo paese e che è dunque direttamente responsabile dell’andamento di vertenze come questa. Bisogna mobilitarsi e inchiodare ognuno alle proprie responsabilità! Naturalmente – sostiene Cobas Abramo Montalto Uffugo – ci uniamo allo sciopero di oggi e domani. Siamo determinati a mobilitarci insieme a tutti i nostri colleghi e colleghe e alla RSU e invitiamo tutti i lavoratori e le lavoratrici a partecipare massicciamente a ogni discussione, sciopero o iniziativa di protesta che verrà messa in campo”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x