Ultimo aggiornamento alle 21:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nota

«Regolari le domande di Rdc sottoposte a controllo da Caf Labor»

Le domande in relazione alle quali le Autorità hanno ravvisato gli estremi di truffa sono state trasmesse utilizzando gli SPID

Pubblicato il: 27/12/2023 – 11:39
«Regolari le domande di Rdc sottoposte a controllo da Caf Labor»

Riceviamo e pubblichiamo la rettifica di Caf Labor.

«Nel corso di un servizio mandato in onda dal TG 1 in data 22 dicembre u.s. nell’edizione delle ore 20.00, è stato reso noto che nella provincia di Cosenza l’Autorità giudiziaria avrebbe iscritto nel registro degli indagati due operatori di un centro di assistenza fiscale responsabili di aver consentito a diversi cittadini, attraverso la falsificazione di documenti, l’indebita percezione del reddito di cittadinanza per un importo pari a oltre tre milioni di euro. Successivamente sono comparsi articoli su testate locali on line di alcuni quotidiani, nei quali si riporta che i soggetti in esame avrebbero operato all’interno di una sede del CAF Labor. Lo scrivente CAF Labor intende fermamente contestare la veridicità di tali notizie diffìdando formalmente le testate destinatarie della presente a provvedere, senza alcun indugio alla rettifica delle stesse. All’esito delle verifiche condotte in merito all’attività svolta dal sig. Cristian Sebastian Teglas, principale indagato, è emerso che 1o stesso, nel periodo compreso tra il 2021 e il 2022 ha elaborato 33 domande di reddito di cittadinanza. Tali domande, numericamente coerenti rispetto alla media nazionale (e, anzi, del tutto inferiori alla media) sono state sottoposte a controllo dal CAF LABOR e risultate regolari. Le centinaia domande in relazione alle quali le Autorità hanno ravvisato a carico degli indagati gli estremi del reato di truffa sono state invece trasmesse non già attraverso il canale dell’intermediario qualificato quale il CAF ma utilizzando il canale “alternativo”, ovvero gli SPID personali dei cittadini; la relativa documentazione è stata inoltre rinvenuta presso il domicilio dell’indagato. II CAF Labor non ha mai percepito somme in relazione a dette domande. E’ pertanto evidente che il sig. Cristian Sebastian Teglas abbia operato scientemente evadendo ogni forma di controllo che i centri di assistenza fiscale operano sulla propria attività e, peraltro, agendo personalmente, di intesa con coloro che risulterebbero aver indebitamente percepito la misura assistenziale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x