Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il caso politico

«Farsa sulle spalle dei reggini, presenteremo una mozione di sfiducia a Falcomatà»

Dopo Forza Italia anche la Lega dai banchi dell’opposizione commenta molto negativamente la nuova Giunta comunale presentata dal sindaco

Pubblicato il: 07/01/2024 – 8:44
«Farsa sulle spalle dei reggini, presenteremo una mozione di sfiducia a Falcomatà»

REGGIO CALABRIA «Una farsa, un’autentica farsa quella inscenata ancora una volta sulle spalle dei reggini, che mortifica sempre di più Reggio Calabria». Lo affermano i consiglieri comunali della Lega De Biasi, Minicuci, Cardia, Neri e Caridi commentando la presentazione della nuova Giunta da parte del sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. «Da una parte – sostiene la Lega – il Partito Democratico, evidentemente lasciato a bocca asciutta all’esito dell’operazione “spartizione delle poltrone”, che accusa il sindaco Falcomatà di essersi sottratto al confronto e, addirittura, di aver violato le regole democratiche, decidendo, per tale ragione, di tirarsi fuori da ulteriori discussioni sulla nuova Giunta comunale. Dall’altro, invece, il sindaco Falcomatà che con un colpo di mano ha umiliato proprio il partito democratico a guida irtiana, ma anche Azione, partito dell’ex f.f. Carmelo Versace e i Democratici e Progressisti e gli altri partiti che fino ad oggi hanno sostenuto la maggioranza, lasciandoli fuori dalla Giunta e bocciando tutti i nomi da loro proposti, per circondarsi, invece, del proprio gruppetto di fedelissimi, gli amici di sempre, che di imprimere quel netto cambio di passo di cui ha bisogno Reggio Calabria non pare siano all’altezza. Verrebbe da ridere, se non fosse che quella andata in scena in questi mesi a Palazzo San Giorgio, non è una scena teatrale, non è la trama di un film, ma è la più vergognosa azione di egoismo politico perpetrata sulla nostra città. Una Reggio Calabria che necessita, invece, di competenze e capacità e che, purtroppo, da anni vive allo sbando, priva di una guida autorevole e all’altezza del compito. Una città mortificata, abbandonata a sé stessa. Una Città oramai meta di dispute tra gruppetti di potere intranei alla sinistra che cercano di contendersela senza pensare alle dolorose conseguenze che ciò sta determinando sui cittadini. Una maggioranza che non esiste più, che ove avesse un minimo di dignità politica deciderebbe di restituire ai cittadini il diritto di pronunciarsi. Ci rivolgiamo a tutti i Consiglieri comunali di maggioranza: staccate la spina, Reggio Calabria non merita questo. Non lo merita la sua storia e la sua cultura. Non lo meritano i reggini, popolo che merita ben altra politica e amministrazione. Per tali ragioni, abbiamo deciso, quale primo gruppo in Consiglio comunale, di presentare una mozione di sfiducia. Ci auguriamo – concludono i consiglieri della Lega – che tutte le forze presenti in Consiglio comunale vogliano prendere finalmente atto della situazione e decidano di sostenerla».

La posizione di Forza Italia

La nota dei consiglieri della Lega si aggiunge a quella espressa già ieri dai consiglieri comunali di Forza Italia, Federico Milia, Antonino Maiolino e Roberto Vizzari, che hanno definito la nuova Giunta di Falcomatà «una scelta assurda, quella di presentare una Giunta a metà, che dimostra ai cittadini che quanto avevamo detto sin dall’inizio era la verità: si è trattato di un gioco di potere volto ad accaparrarsi le poltrone, una pura compravendita di incarichi sulla pelle dei reggini, che però non ha avuto il risultato auspicato da molti. Il Pd, con un comunicato durissimo, si è espresso sul “modo di operare antidemocratico ed individualista” del sindaco, prendendo posizione, ma manca ora il passo decisivo: la sfiducia», proseguono i consiglieri di Forza Italia. «Presenteremo  prosegue Forza Italia – formalmente una mozione di sfiducia: questo teatrino a cui stiamo assistendo da troppo tempo deve terminare. Il terzo tempo è finito, ancor prima di iniziare. Se il Pd ha un briciolo di dignità, dalla segreteria nazionale alla dirigenza locale, ora prenda una posizione concreta, e non solo sui giornali, che sia coerente con le dichiarazioni da loro rese e inviti i suoi consiglieri a votare la sfiducia.  Se non lo faranno, il Pd e tutte le forze politiche di maggioranza, vorrà dire che sono più delusi dal fatto di essere stati tagliati fuori dal gioco di potere, piuttosto che dal fatto che, con la presentazione odierna, il sindaco, come il Pd stesso ha dichiarato “ha voltato le spalle alla democrazia».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x