Ultimo aggiornamento alle 17:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

misteri d’italia

Il pentito Barreca: «Così la ‘ndrangheta salvò quell’agente di scorta di Aldo Moro»

A “Report” la testimonianza del collaboratore di giustizia sull’agguato di via Fani a Roma nel quale il 16 marzo 1978 venne sequestrato il leader Dc

Pubblicato il: 10/01/2024 – 10:55
Il pentito Barreca: «Così la ‘ndrangheta salvò quell’agente di scorta di Aldo Moro»

LAMEZIA TERME “Tracce di ‘ndrangheta” nel caso Moro. La pista di un ruolo – non secondario – della criminalità organizzata calabrese nel sequestro del leader della Dc a Via Fani a Roma il 16 marzo 1978, già emersa in diverse occasioni e soprattutto da diverse inchieste di alcune Commissioni parlamentari, viene ribadita anche nel corso dell’ultima puntata di “Report”, che ha dedicato quasi due ore di trasmissione al caso Moro svelando anche alcune novità rispetto ai dati finora acquisiti. Nella ricostruzione di report viene citata la figura di uno degli agenti di scorta rimasto ucciso nell’agguato di Via Fani, Francesco Zizzi che – spiega il servizio – «venne sacrificato dal lato oscuro delle mafie, quella che si intreccia con gli apparati segreti dello Stato».

La testimonianza di Barreca

“Report” raccoglie la testimonianza di Filippo Barreca, storico pentito di ‘ndrangheta, ricordando che Barreca «anni fa ha messo a verbale una sporca storia». Ecco cosa dice Barreca a “Report“: «Nel 2016 sono stato convocato dal giudice Salvini nell’ambito delle indagini condotte dalla Commissione parlamentare sull’uccisione di Moro, la seconda Commissione. Per rispondere ad alcune domande relative ai rapporti tra Br e ‘ndrangheta, durante il colloquio ho riportato cosa mi aveva riferito Rocco Musolino, boss appartenente all’élite dell’organizzazione mafiosa della ‘ndrangheta insieme ai servizi segreti, massoneria deviata e criminalità, e cioè – rimarca Barreca – che l’agente di scorta Rocco Gentiluomo, preposto quel giorno ad accompagnare l’onorevole Aldo Moro, è stato salvato. Al posto suo come sappiamo tutti è morto l’altro agente, Francesco Zizzi. Mi sono limitato a dire solo questo. Rocco Gentiluomo era originario di Sant’Eufemia di Aspromonte». «Naturalmente le dichiarazioni di Barreca dormono nei cassetti, restando senza spiegazione», commenta “Report”.

Il pentito Barreca intervistato da “Report”

Le altre “tracce” di ‘ndrangheta

Questa “traccia” di ‘ndrangheta si aggiunge ad altre, emerse dalle relazioni delle varie Commissioni parlamentari di inchiesta, che evidenzierebbero quantomeno un coinvolgimento della criminalità organizzata calabrese nel sequestro Moro,  come la presunta presenza del boss Antonio Nirta (classe 1947) in via Fani, la cui immagine immortalata quel giorno sul luogo della strage è stata riconosciuta dal Ris come aderente al 99% a quella del boss, e i sospetti, mai confermati, sulla presenza del legionario Giustino De Vuono utilizzato dalla famiglia Nirta di San Luca in quegli anni, o come le dichiarazioni di un altro pentito, Antonio Fiume, l’armiere dei Di Stefano, che ha parlato di due mitragliette Skorpion da lui in precedenza custodite insieme ad altre armi, come presumibilmente utilizzate quel giorno in via Fani. (redazione@corrierecal.it)

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x