Ultimo aggiornamento alle 15:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Sanità

All’Annunziata l’ipertensione resistente si cura con la denervazione

Un intervento mininvasivo quando i farmaci non bastano. I pazienti trattati in 3-6 mesi ritornano a valori normali di pressione arteriosa

Pubblicato il: 29/01/2024 – 11:20
All’Annunziata l’ipertensione resistente si cura con la denervazione

COSENZA Più di un calabrese su tre soffre di ipertensione arteriosa e in alcuni pazienti, la patologia, si rivela resistente alla terapia farmacologica. All’ospedale Annunziata di Cosenza, presso la UOC di Cardiologia diretta dal dr Francesco Greco,  è possibile sottoporsi all’intervento di denervazione renale (RDN), una nuova procedura in grado di ridurre in modo significativo la pressione arteriosa nei pazienti con ipertensione molto alta e non curabile attraverso i farmaci. «Il programma è stato avviato da più di 10 anni con risultati eccellenti –  spiega il dottore Greco Direttore della UOC di Cardiologia Interventistica – La maggior parte dei pazienti ha raggiunto entro i 3-6 mesi dal trattamento un valore normale di Pressione Arteriosa, riportando una riduzione media del 25% e diminuendo contestualmente l’assunzione della terapia anti ipertensiva di almeno 1 farmaco».

Un intervento «sicuro ed efficace»

«Naturalmente –  continua il Direttore – il risultato non è fine a se stesso ma, l’ottenere un buon controllo dei valori pressori, vuol dire ridurre significativamente il rischio futuro di eventi avversi cardiovascolari (infarto, ictus cerebrale, morte)». Nell’equipe di Cardiologia Interventista, anche il dottore Leone che spiega: «l’intervento di Denervazione Renale è un intervento dimostrato sicuro ed efficace; necessita di due notti di ospedalizzazione e viene svolto in 40 minuti in anestesia locale. La sonda ablatrice inserita dall’inguine, erogando impulsi controllati in radiofrequenza in diversi punti delle due arterie renali, andrà a rimodulare l’attività del sistema nervoso simpatico che sottende lo stato ipertensivo». «La terapia di denervazione renale» conclude il Dott Greco, «è una svolta significativa nel trattamento dell’ipertensione arteriosa non solo resistente ai farmaci convenzionali ma anche nel paziente iperteso difficile da trattare; pensiamo in questo ultimo scenario, per esempio, ai tanti pazienti che, per comuni effetti collaterali dei farmaci antiipertensivi (gonfiore, rossore, prurito, tosse, disfunzione erettile etc), rinunciano al trattamento o lo praticano in maniera irregolare, perpetuando un grave danno alla propria salute».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x