Ultimo aggiornamento alle 18:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La riflessione

La Calabria vuole migliorare: i giovani “il mezzo” migliore

È pensabile che una regione del Sud possa progredire? Oppure c’è da temere che la strada imboccata conduca verso il sottosviluppo? È pensiero comune che il Governo faccia poco perché il Mezzogiorn…

Pubblicato il: 05/02/2024 – 9:00
di Franco Scrima*
La Calabria vuole migliorare: i giovani “il mezzo” migliore

È pensabile che una regione del Sud possa progredire? Oppure c’è da temere che la strada imboccata conduca verso il sottosviluppo? È pensiero comune che il Governo faccia poco perché il Mezzogiorno possa allinearsi alle regioni del Centro e del Nord. Così si eliminerebbe il sospetto che si preferiscano realtà diseguali per potere meglio gestire gli interessi di parte. Forse sarebbe opportuno che il Mezzogiorno, finalmente, si svegliasse e si facesse sentire, se del caso, anche ad alta voce.
Le statistiche ricordano che circa 413 mila calabresi vivono fuori dai confini regionali e che la loro età media è di 33 anni per gli uomini e 30 per le donne; che uno su cinque ha meno di 20 anni e 14 mila di essi hanno una laurea o un titolo di scuola superiore. Il che significa che mentre il Centro-Nord guadagna popolazione anche di prestigio, il Mezzogiorno la perde. Un quadro preoccupante per il Sud solo a pensare che molti giovani difficilmente faranno ritorno nella terra d’origine.
La Calabria ha il tasso di migrazione più alto rispetto al resto del Mezzogiorno, il che determina che il Nord guadagna in termini sostanziali, mentre il Sud chiude in perdita. Si consideri anche che negli ultimi dieci anni hanno lasciato le regioni del Sud circa 525 mila persone, la maggior parte delle quali giovani, alla ricerca di un posto di lavoro che dia loro dignità.
Tra le provincie calabresi quella che ha subìto il maggior numero di trasferimenti è sicuramente Crotone con una vera e propria emorragia di uomini e donne! Molti dei quali muniti di titolo di studio superiore e alcuni addirittura di una laurea. Una migrazione che, è bene sottolineare, favorisce il Nord che accoglie giovani scolasticamente già formati.
La storia dell’emigrazione, come si vede, continua in Calabria e non accenna ad arrestarsi almeno finché non ci sarà uno “spiraglio di luce” per chi chiede lavoro. Troppe intelligenze lasciano la loro terra per trovare al Nord di che vivere e sperare in un futuro migliore.
Il Governo deve prenderne atto e attivarsi per interrompere i flussi di migranti per la ricerca di un lavoro, dando loro la possibilità di trovarlo anche nella regione nella quale sono nati.
Le intelligenze e le capacità professionali ci sono. Manca la volontà, a chi dovrebbe averla, di porre fine al sistema. Il mezzo c’è ed è agire sapendo che potrebbe essere sufficiente destinare una parte del denaro del “Pnrr” al Sud con l’obbligo di migliorare l’offerta di lavoro. Ignorare questa possibilità significa procrastinare i problemi di ordine sociale che generano criticità e non solo tra i giovani. Se può servire, si ricorda che il 73% degli italiani fa fatica a far quadrare i conti a fine mese e di questi una buona parte vive nelle regioni del Mezzogiorno.
Senza considerare, infine, che l’emigrazione può essere considerata come causa di problemi che andrebbero analizzati sia per chi intende rimanere al Nord, sia per chi spera di ritornare nella terra d’origine, magari avendo acquisito un bagaglio tecnico-professionale che possa essere utile nella ricerca di un nuovo lavoro. Così cresce una regione: oltre che con la Scuola, anche con il raggiungimento di una qualifica professionale che garantisca un lavoro per vivere bene.   

*giornalista

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x