Ultimo aggiornamento alle 22:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

Il sostegno del Pd a Succurro sull’autonomia differenziata e l’attacco a Occhiuto: «Senza coraggio»

La presidente Anci nei giorni scorsi è stata duramente attaccata da Loizzo e Minasi. Irto annuncia la presenza in piazza del partito il 13 febbraio

Pubblicato il: 10/02/2024 – 18:48
Il sostegno del Pd a Succurro sull’autonomia differenziata e l’attacco a Occhiuto: «Senza coraggio»

CATANZARO «Una e indivisibile. Il Partito Democratico della Calabria sostiene la voce dei sindaci contro il progetto di autonomia differenziata con cui la destra italiana sta portando l’Italia ad una pericolosa spaccatura socio-economica». È quanto viene evidenziato dal Pd calabrese attraverso la voce del suo segretario Nicola Irto che preannuncia la sua presenza il 13 febbraio davanti alle Prefetture della Regione per dire no all’autonomia differenziata. Nella sua nota il Partito democratico sottolinea vicinanza e pieno sostegno alla proposta dei sindaci e in special modo della presidente Anci Calabria Rosaria Succurro «attaccata con veemenza dai colleghi e dalle colleghe della destra per aver fatto ciò che ci aspettavamo da tutti i parlamentari di centrodestra: dissentire rispetto al tentativo di affossare il Meridione d’Italia».
Nei giorni scorsi Succurro era stata criticata dalle parlamentari della Lega Simona Loizzo e Tilde Minasi (leggi qui) sull’iniziativa dal titolo “No alla divisione dell’Italia” organizzata dalla stessa presidente Anci per il 13 febbraio. A un più pacato invito al confronto di Minasi, si era aggiunto l’affondo di Loizzo contro Succurro. «La politica – aveva detto – decade per la qualità scadente delle argomentazioni di chi occupa ruoli istituzionali che non è in grado di governare… Il Sud ha bisogno di protagonismo, non è tempo di Masanielli con la gonna e di “muine” neoborboniche. Alla donna di San Giovanni in Fiore che si adopera per cittadinanze onorarie a Sinner consiglio di dedicarsi a commentare il tennis. Almeno eviteremo di ascoltare castronerie allo stato brado».

L’attacco del Pd ai fratelli Occhiuto

Nell’annunciare la sua presenza all’evento del 13 febbraio, Irto prende di mira il governatore Roberto Occhiuto e il fratello senatore Mario. «Nemmeno il presidente Roberto Occhiuto ha avuto il necessario coraggio e continua a rispondere con i se e con i ma davanti alla sua responsabilità di tutela della Calabria, e – peggio ancora – il fratello Mario, in Parlamento, ha sostenuto e fatto suo questo dissennato progetto di dismissione dei diritti dei calabresi. Con quale coraggio? – continua il Pd -. Non è più tempo di nascondersi, bisogna con chiarezza prendere una posizione contro l’autonomia differenziata e difendere i calabresi, invitiamo anche Roberto Occhiuto a farlo, a schierarsi da questa parte, dalla parte dei meridionali. Noi il 13 febbraio ci saremo, davanti alle Prefetture calabresi, insieme ai sindaci, in rappresentanza di tutti i cittadini che hanno a cuore l’unità dell’Italia e la Costituzione antifascista.

«Oggi bisogna attivare ogni forma di protesta possibile»

«In questi anni – prosegue Irto – abbiamo messo in campo ogni azione utile a contrastare quello che riteniamo un provvedimento iniquo e contrario ai principi costituzionali, lo abbiamo fatto come maggioranza in Consiglio regionale, sostenuti da coloro i quali oggi scelgono di voltare le spalle ai calabresi per salvaguardare poltrone e potere personale, lo abbiamo fatto nei nostri circoli parlando alla gente delle conseguenze nefaste sui servizi primari, lo abbiamo fatto sostenendo raccolte firme contro questo ddl e portando in Parlamento una posizione nettamente contraria, provando a far partire una discussione che la destra ha soffocato. Oggi riteniamo sia tempo di attivare ogni forma possibile di protesta pacifica e democratica, condividendola con i sindacati, le istituzioni, i cittadini, le forze politiche, in maniera trasversale e unitaria, con il solo obiettivo di salvare l’Italia da un indebolimento economico e politico che la metterebbe ai margini in Europa e nel mondo. I principi su cui le madri e i padri costituenti hanno fondato la nostra Repubblica ruotano attorno ai concetti di uguaglianza, equità sociale e solidarietà – conclude il Pd – sui quali l’autonomia differenziata si abbatterebbe come una valanga. Non possiamo permetterlo». (fra.vel.)

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x