Ultimo aggiornamento alle 23:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Massacro ad Altavilla: l’omicida citava il “pastore” Amatulli. Il santone potrebbe essere in Calabria

Autoproclamatosi pastore evangelico ed esorcista, il “santone” in uno degli ultimi post menziona Laureana di Borrello, Rosarno e Gioia Tauro

Pubblicato il: 12/02/2024 – 20:07
di Mariateresa Ripolo
Massacro ad Altavilla: l’omicida citava il “pastore” Amatulli. Il santone potrebbe essere in Calabria

REGGIO CALABRIA «Ringraziamo Gesù per Francesca. Dio ha messo la sua mano guaritrice su di lei». Sono le parole scritte da Roberto Amatulli, l’ex parrucchiere di Bari, autoproclamatosi pastore evangelico, guaritore ed esorcista, che accompagnano l’ultimo video pubblicato sulla sua pagina Facebook e con protagonista una bambina. I suoi video – decine quelli che posta sui social in cui pratica presunti esorcismi e “liberazioni” dal male – venivano condivisi da Giovanni Barreca, il muratore che ha ucciso moglie e due figli ad Altavilla Milicia. Il “santone” potrebbe trovarsi in Calabria, sembrerebbe così dalle sue ultime pubblicazioni sui social.

Il massacro: «Dentro mia moglie e i miei due figli si nascondeva il demonio»

«Dentro mia moglie e i miei due figli si nascondeva il demonio, per questo li ho uccisi, era l’unica cosa da fare», ha confessato ai carabinieri il 54enne, vero e proprio fanatico religioso di Amatulli. Barreca ha ucciso la moglie Antonella Salamone e i figli Kevin di 16 anni ed Emanuel, di 5, nella loro villetta in provincia di Palermo: ha massacrato prima la moglie, le ha dato fuoco e l’ha fatta a pezzi, per poi nasconderla sotto un cumulo di terra in giardino. Strangolati con una catena i due figli. L’uomo avrebbe risparmiato la primogenita di 17 anni, trovata dai sanitari del 118 e dai carabinieri della compagnia di Bagheria e del nucleo investigativo di Monreale in stato di shock, probabilmente narcotizzata.

Amatulli in Calabria

Barreca era un fanatico religioso e citava spesso sul suo profilo facebook Amatulli. Il santone, mesi fa al centro di una inchiesta delle Iene che lo avevano individuato in un campo rom a Brancaleone, potrebbe trovarsi ancora in Calabria. E’ lui stesso a dirlo in uno dei suoi ultimi post in cui menziona Laureana di Borrello, Rosarno e Gioia Tauro, pubblicato sabato 10 febbraio, in cui appare con un uomo, «uno dei frutti dell’evangelizzazione», scrive Amatulli.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x