Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la scelta

Taurianova sarà la Capitale del Libro 2024, ora è ufficiale

Arriva la conferma dopo la fuga di notizie. «Il progetto rappresenta la strada della crescita e della rinascita». Biasi: «Apriremo la biblioteca»

Pubblicato il: 13/02/2024 – 7:06
Taurianova sarà la Capitale del Libro 2024, ora è ufficiale

«Il progetto di Taurianova è stato premiato perché rappresenta, per una realtà piccola, la strada di una crescita o addirittura una rinascita attraverso la realizzazione di infrastrutture culturali, materiali, immateriali e valoriali, capaci di irradiare i propri effetti virtuosi anche sul territorio circostante». Queste sono le principali motivazioni con cui la Giuria ha proposto, all’unanimità, Taurianova come Capitale italiana del Libro per l’anno 2024. La Giuria, autonoma e indipendente dal Ministero, presieduta dal professor Pierfranco Bruni, e composta da Incoronata Boccia, Gerardo Casale, Antonella Ferrara e Sara Guelmi, ha individuato nel progetto presentato dal Comune della Piana di Gioia Tauro, anche in ragione del contesto storico e geografico, l’occasione per generare un esempio di pedagogia di riscatto culturale, civile e sociale.

Il “caso”

Potrebbe chiudersi così, dunque, il caso legato alla vittoria di Taurianova “scoppiato” sabato sera con l’annuncio del sottosegretario Durigon poi smentito in parte dal sindaco, Roy Biasi, scatenando l’ira degli altri Comuni in corsa. Ora, però, sembra tutto finito. «Il 6 febbraio – spiega il presidente Bruni – quindi tre giorni prima delle indiscrezioni apparse sulla stampa, abbiamo tenuto l’ultima riunione della Giuria e abbiamo votato all’unanimità il progetto Taurianova. La scelta è stata fatta in particolare sulla base dell’impatto sociale della proposta progettuale relativa a un territorio che ha una straordinaria necessità di sostegno dal punto di vista culturale. La decisione è stata presa in coerenza con quello che l’UNESCO definisce il valore intrinseco del settore culturale e creativo in termini di coesione sociale, capacità di generare risorse educative, benessere personale e crescita economica».

Biasi: «La biblioteca sarà il cuore pulsante della città»

«Ci apprestiamo con questo riconoscimento ad attraversare quel ponte che speriamo ci condurrà definitivamente a una Taurianova diversa legata alla cultura e ai protagonisti di quella che è stata la storia bella della nostra città». Lo ha detto il sindaco Roy Biasi. «Abbiamo realizzato una biblioteca importante – ha detto ancora Biasi – che contiamo di aprire quanto prima e, quindi, abbiamo chiesto alla Commissione nell’ambito del progetto, di poter inaugurare questa struttura per renderla il cuore pulsante della città e costruire una nuova Taurianova, diversa da quella che vogliamo dimenticare e che, secondo Giorgio Bocca, nel 1990 era fuori dall’Italia». «Il nostro progetto – ha detto ancora il sindaco – è imperniato sulla biblioteca che dovrà essere il centro nevralgico dell’attività culturale non solo del nostro comune ma dell’intera piana di Gioia Tauro. Noi vogliamo andare in controtendenza, mentre dalle altre parti le biblioteche chiudono a Taurianova, con forza determinazione e con spirito di sacrificio abbiamo voluto riaprirla e intendiamo aprirla al più presto. Si tratta di un messaggio importante, un messaggio che ci fa guardare alla nostra città con una luce diversa rispetto a quella che era la Taurianova dell’immagine devastata e devastante degli anni novanta».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x