Ultimo aggiornamento alle 15:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

emergenza lavoro

Tirocinanti e precari Arpal, Occhiuto: «Dal Parlamento importanti novità per la Calabria»

Il presidente della Regione commenta l’approvazione di due emendamenti proposti da Cannizzaro: avranno notevoli ricadute sul territorio

Pubblicato il: 14/02/2024 – 12:49
Tirocinanti e precari Arpal, Occhiuto: «Dal Parlamento importanti novità per la Calabria»

CATANZARO “Dal Parlamento arrivano importanti novità per i Tis e per i precari dell’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro. Grazie a due emendamenti al decreto Milleproroghe proposti e fatti approvare in Commissione dall’onorevole Francesco Cannizzaro avremo ricadute estremamente positive per la nostra Regione”. Lo riferisce il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto. “Il primo – spiega Occhiuto – offre ai Comuni calabresi la possibilità di assumere i tirocinanti di inclusione sociale anche con contratti a tempo determinato, part time e della durata di 18 mesi. Questo significa che i Comuni potranno effettuare, in deroga ai limiti assunzionali vigenti, concorsi completamente riservati ai Tis, rispondendo quindi all’esigenza che gli enti locali avevano più volte espresso per poter finalmente iniziare a regolarizzare questa platea di personale, fondamentale per il lavoro delle amministrazioni calabresi, ma che non gode ad oggi di alcun tipo di tutela giuridica e previdenziale. La nuova norma offre quindi un’ulteriore possibilità ad un bacino che conta circa 4000 lavoratori, dopo anni di attività prestata in condizioni di precarietà assoluta e di quasi ‘invisibilità’, di poter finalmente regolarizzare la propria posizione, e sottoscrivere un contratto con la pubblica amministrazione, in deroga ai vincoli assunzionali oggi vigenti per i Comuni. Un secondo emendamento prevede, invece, la possibilità di proseguire con le stabilizzazioni del personale di Azienda Calabria Lavoro, trasformatasi nel frattempo in Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro – Arpal Calabria, utilizzando fondi residui da precedenti norme di legge che avevo fatto approvare anni fa quando ricoprivo il ruolo di capogruppo di Forza Italia alla Camera. Grazie a quelle disposizioni avevamo, a decorrere dal 2023, 10 milioni di euro all’anno per assumere questi lavoratori. Con questa modifica introdotta dal Milleproroghe la Regione Calabria potrà trasferire all’ente sub regionale le risorse residue ai 10 milioni finalizzate all’avvio di procedure di stabilizzazione per il personale ancora precario dopo la trasformazione di Azienda Calabria Lavoro in Agenzia regionale. Ringrazio- conclude Occhiuto –  il governo, e in particolare il ministro Paolo Zangrillo, per l’attenzione riservata alla Regione Calabria. Ringrazio, inoltre, il coordinatore regionale azzurro e deputato Francesco Cannizzaro, per il fondamentale lavoro fatto nelle Commissioni competenti, e il presidente della Commissione Bilancio di Montecitorio, Giuseppe Mangialavori”.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x