Ultimo aggiornamento alle 22:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la rubrica

QUARTA PARETE | Cutro e la “distrazione” del governo: «Il paese ha reagito e Occhiuto ci ha messo la faccia» – VIDEO

Nella rubrica settimanale in onda su L’altro Corriere Tv spazio alle celebrazioni del tragico naufragio del 26 febbraio 2023

Pubblicato il: 21/02/2024 – 15:14
QUARTA PARETE | Cutro e la “distrazione” del governo: «Il paese ha reagito e Occhiuto ci ha messo la faccia» – VIDEO

COSENZA  “Quarta Parete”, lo spazio di approfondimento de L’altro Corriere Tv curato dal giornalista Paride Leporace, questa settimana guarda verso Cutro e verso il mare, anche se «non è un mare poetico, è il mare dei migranti». Pochi giorni fa c’è stata una sentenza su un caso specifico della Cassazione di cui si sta parlando troppo poco, che ha deciso che i rimpatri dei migranti presi dalle navi militari italiane e riportati in Libia sono illegittimi. «Questo è una precedente molto rilevante – ha evidenziato Leporace – che affonda il memorandum che l’Italia firmò con la Libia. La Libia non è uno Stato unitario, lì ci sono guerre tra bande con cui il presidente del Consiglio dell’epoca, Gentiloni del Pd e Marco Minniti che gestì in prima persona questa operazione, fecero degli accordi per far sì che le invasioni dei migranti non mettessero a rischio la sicurezza nazionale. Ora questo memorandum è totalmente da rivedere ed è affondato, a giudizio di molti, secondo quello che ha scritto la Cassazione».

Cutro: la distrazione del governo e la reazione del paese

Un preambolo necessario quello di Leporace che porta inevitabilmente a Cutro, a pochi giorni dall’anniversario del tragico naufragio (26 febbraio 2023) che portò alla morte di un centinaio di migranti, senza dimenticare i dispersi e i sopravvissuti. «A Cutro, per volontà del governo nazionale o per incapacità, solo uno di quei sopravvissuti ha ottenuto un ricongiungimento con i propri familiari. Chi scampò alla tragedia non ha ancora un riconoscimento nonostante le promesse fatte. Roma, insomma, il governo, si mostra molto distratto rispetto agli annunci. La questione in Calabria, «per fortuna» è molto diversa. «Pensate – rivela Leporace – che c’è una signora calabrese che si chiama Angela Diletta Macrì che per tantissimi giorni è andata nel cimitero in cui riposano anche i corpi senza nome del naufragio portando ogni giorno fiori, orsacchiotti, perché su quella barca c’erano dei bambini, e conchiglie di mare. Una sensibilità incredibile in un posto che farà sorgere anche, abbiamo saputo, un cimitero musulmano per ospitare al meglio le vittime. E ci sono pure i vivi che sono rimasti a Cutro, stanno nelle gelaterie, lavorano, si sono integrati in un paese che avrà mille problemi, ma dopo quella tragedia ha saputo reagire».

La presenza di Schlein a Cutro e le celebrazioni della Regione

Nei prossimi giorni non saranno poche le celebrazioni per l’anno della tragedia. Durante l’ultima direzione nazionale del Partito democratico, Elly Schlein ha annunciato la sua presenza a Cutro, «e possiamo osservare – sottolinea Leporace – che il suo Pd è molto ben diverso da quello di Gentiloni che vorrebbe ritornare alla guida del partito. Ma poi c’è un manifesto di celebrazioni organizzate dalla Regione Calabria. Un programma che mi sento di condividere nelle sue varie articolazioni».
Su un evento in particolare Leporace punta la sua attenzione: «si terrà uno spettacolo legato alla memoria, in cui è stato scelto di leggere un testo scritto da Paolo Rumiz, valente scrittore giornalista di grandissima fama, con un concerto di violini costruiti con i legni del relitto di Cutro, realizzati dai detenuti di opera, e con una musica composta per l’occasione dal maestro premio Oscar Nicola Piovani, che ha messo tutto il suo genio in questa iniziativa. La giornata, la lunga mattinata, sarà conclusa da una conferenza stampa del governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, che quindi non solo ha organizzato insieme a chi ha proposto questo programma molto ben pensato, ma ci ha messo la faccia. Ebbene, io sono orgoglioso di essere calabrese quando do queste notizie».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x