Ultimo aggiornamento alle 10:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Carceri

Tragedia nel Cosentino, agente penitenziario tenta di uccidere la moglie e poi si toglie la vita

L’uomo, 57 anni, si è tolto la vita mentre era libero dal servizio. La donna sarebbe rimasta illesa

Pubblicato il: 24/02/2024 – 13:17
Tragedia nel Cosentino, agente penitenziario tenta di uccidere la moglie e poi si toglie la vita

COSENZA Un uomo, appartenente al corpo di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Cosenza, si è tolto la vita mentre era libero dal servizio. La tragedia a Mangone, in provincia di Cosenza. Secondo quanto ricostruito, l’uomo avrebbe prima tentato di uccidere con la pistola d’ordinanza la moglie, rimasta fortunatamente illesa. Sul posto i carabinieri e il capo della procura di Cosenza Mario Spagnuolo. A dare notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe), per voce del segretario generale aggiunto Giovanni Battista Durante e del segretario regionale della Calabria Francesco Ciccone: «E’ una notizia che sconvolge tutti noi. L’uomo, un assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria, M.P. di 57 anni, padre di due figli, lavorava nel servizio a turno ed era stato anche aggredito 4/5 anni fa. Si disconoscono le motivazioni del gesto estremo al momento e sono ovviamente in corso i doverosi accertamenti», dichiarano, scossi e amareggiati, i due sindacalisti.
Molto affranto anche Donato Capece, segretario generale del Sappe, che ricorda come quello dei poliziotti penitenziari suicidi è un dramma che va avanti da troppo tempo senza segnali concreti di attenzione da parte del ministero della Giustizia e del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria. Il leader del Sappe, premesso che allo stato sono in corso accertamenti sulle ragioni del tragico gesto, rileva che «i poliziotti penitenziari sono lasciati abbandonati a loro stessi, mentre invece avrebbe bisogno evidentemente di uno strumento di aiuto e di sostegno. Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del personale di Polizia Penitenziaria. Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare quanto prima un’apposita direzione medica della Polizia Penitenziaria, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria», conclude Capece. «Qui servono azioni concrete sui temi dello stress psico-fisico degli appartenenti al Corpo!».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x