Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’evento

Catanzaro ricorda Antonio Catricalà: «Un esemplare servitore dello Stato»

Iniziativa promossa dall’amministrazione comunale a tre anni dalla scomparsa. L’omaggio di Reillo e Fiorita e le toccanti parole dei familiari

Pubblicato il: 26/02/2024 – 20:56
Catanzaro ricorda Antonio Catricalà: «Un esemplare servitore dello Stato»

CATANZARO Un grande calabrese, un grande catanzarese. Un fine giurista, un competente magistrato, un apprezzatissimo dirigente pubblico. Catanzaro ha ricordato oggi Antonino Catricalà, uno dei suoi figli più prestigiosi, scomparso 3 anni fa in circostanze tragiche: un curriculum di grandissimo spessore quello di Catricalà, giudice del Consiglio di Stato, Garante della Concorrenza e del Mercato, e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Monti e viceministro allo Sviluppo economico nel governo Letta.  E così, in una iniziativa promossa dal Comune di Catanzaro e dalla Corte d’appello, il capoluogo calabrese ha potuto riabbracciare Catricalà e anche i suoi familiari. A ricordarlo anzitutto Gabriella Reillo, presidente facente funzioni della Corte d’appello di Catanzaro: “Un’iniziativa – ha detto Reillo – che è partita dall’amministrazione comunale, e che è stata accolta assolutamente di buon grado da parte della Corte d’Appello ed in rappresentanza della Magistratura, perché Catricalà è stato una figura completa, possiamo definirlo proprio un uomo al servizio dello Stato, al servizio del quale ha messo la sua grande competenza e di questo gli siamo grati proprio perché la competenza, la serietà, la professionalità sono delle qualità di cui adesso avvertiamo un particolare bisogno e Catricalà invece li ha sempre espresse tutte in tutti i vari incarichi che ha svolto nella sua vita, sia incarichi amministrativi, incarichi politici, ma sempre appunto al servizio dell’amministrazione statale”. A sua volta il sindaco Nicola Fiorita ha osservato che “Catricalà ha lasciato un’impronta nella storia più recente del Paese. Poi è stato anche un grande calabrese, perché ha sempre coltivato questo legame con la nostra terra, in particolare con la nostra città. E quindi noi vorremmo da oggi seguire un percorso che non sia solo commemorativo, ma che possa, attraverso Catricalà, anche dare un esempio alle nuove generazioni, ma anche un monito a tutti, per ricordare che Catanzaro è una città di grandissima cultura, di grandissima civiltà”. Fiorita ha anche ventilato la possibilità di intitolare una strada della città a Catricalà. Infine, il toccante ricordo dei familiari presenti, che hanno parlato di “un momento di nostalgia, un ritorno al dolore, perché questi sono luoghi in cui noi siamo cresciuti, abbiamo condiviso tante esperienze, ma è motivo di gioia parlare di Antonio in quest’ambiente sempre così caloroso come quello di Catanzaro”.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x