Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la risposta

Autonomia, manifesta con il volto di Mario Occhiuto. «Chi ha paura del dissenso intimorisce»

La replica de La Base al senatore di Forza Italia che aveva parlato di atto «vergognoso»

Pubblicato il: 29/02/2024 – 9:30
Autonomia, manifesta con il volto di Mario Occhiuto. «Chi ha paura del dissenso intimorisce»

COSENZA «Il senatore Mario Occhiuto, attraverso un post Facebook riguardo ai manifesti da noi affissi (e firmati) contro il disegno di legge dell’Autonomia Differenziata (qui la notizia), ha ribadito quello che è chiaro a tutti: In questo Paese non è più legittimo contestare la classe politica nel merito della loro attività di rappresentanti del popolo. L’Autonomia Differenziata sarà la definitiva mazzata sulle spalle dei territori meridionali. La secessione dei ricchi. In piena continuità con il clima repressivo delle ultime settimane, le sue parole gridano addirittura al terrorismo e minacciano denunce a nostro carico. Sinceramente penoso e con un’idea del fare politica che si limita evidentemente alle passeggiate dentro e appena fuori i palazzi romani». E’ quanto dichiarano in una nota gli attivisti de La Base. «Non si può forse protestare? Non si può essere in disaccordo con un disegno di legge che decreta la fine di ogni speranza per una terra da cui noi giovani siamo costretti a scappare? Caro onorevole, sono proprio le regioni del Nord, dove siamo costretti ad emigrare, a beneficiare dell’Autonomia Differenziata, non di certo la Calabria. Se le regioni più ricche tratterranno buona parte del gettito fiscale e lo reinvestiranno in servizi regionali migliori e all’avanguardia, ci saranno meno soldi nelle casse dello Stato per finanziare i vostri tanto acclamati livelli essenziali di prestazione (LEP). La coperta è troppo corta e voi lo sapete. D’altronde, in ambito sanitario, è dal 2001 che esistono i livelli essenziali di assistenza (LEA) e da allora, in Calabria, non sono mai stati soddisfatti. Come vede, il fatto di definire dei livelli essenziali non implica che questi vengano rispettati. Ma soprattutto, perché dovremmo accontentarci di livelli essenziali? Le malattie arrivano senza badare al luogo di residenza presente sulla carta d’identità, pretendiamo gli stessi servizi di qualità di cui dispone un cittadino lombardo. La sanità, l’istruzione, i trasporti e tanto altro dovrebbero essere servizi garantiti in modo omogeneo in tutto il Paese, l’Autonomia Differenziata aumenterà drasticamente e definitivamente le differenze che già spaccano il Paese. In conclusione, le condizioni che avete posto perché l’Autonomia Differenziata venga realizzata sono specchietti per le allodole. Quello che accadrà è che tutte le carenze dei servizi pubblici verranno compensate da grandi investimenti privati; e noi lo sappiamo cosa fanno i privati quando hanno campo libero nei servizi fondamentali, lo abbiamo scoperto sulla nostra pelle: pensano solo al loro profitto. Tagliano, licenziano, riducono le prestazioni all’osso pur di garantirsi un ampio margine di guadagno. Quindi senatore Occhiuto, forse non è tanto l’uso del suo volto pubblico in manifesti ironici ad irritarla; forse a preoccuparla sono il dissenso e le parole chiare sulle conseguenze dell’Autonomia Differenziata. E quando chi governa ha paura del dissenso, allora intimidisce e prova a spostare l’attenzione su altro. Saremo in piazza sabato 2 marzo e poi di nuovo il 23, perché chi questa terra la vive o vorrebbe viverla, la ama e rispetta ha il diritto di protestare e opporsi all’ennesima ingiustizia sociale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x