Ultimo aggiornamento alle 8:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nota

Cosenza, sabato 23 marzo la Cgil in piazza contro l’autonomia differenziata

L’annuncio del segretario cosentino Massimiliano Ianni: «Vogliamo ribadire il nostro dissenso, non possiamo sopportare altre privazioni»

Pubblicato il: 12/03/2024 – 13:58
Cosenza, sabato 23 marzo la Cgil in piazza contro l’autonomia differenziata

COSENZA «Sabato 23 marzo scenderemo di nuovo in piazza per dire no al disegno di legge Calderoli. Vogliamo ribadire il nostro dissenso all’autonomia differenziata». Lo annuncia in una nota la Cgil Cosenza tramite il segretario generale cosentino Massimiliano Ianni. «È importante – si legge – la partecipazione di tutti, a iniziare dai sindaci e dagli amministratori locali. Non basta lavarsi la coscienza con qualche post su Facebook, bisogna scendere in piazza coinvolgendo i cittadini. La Lega proverà a fare approvare la legge nel più breve tempo possibile, probabilmente nel mese di Aprile, motivo per cui bisogna mettere in campo tutte le azioni utili per contrastarne l’approvazione.  L’Autonomia Differenziata significa avere meno sanità pubblica, una scuola destinata al fallimento, meno sicurezza sul lavoro, salari più bassi nel Sud Italia; il Mezzogiorno e le sue popolazioni saranno ancora più poveri, più indifesi, senza servizi pubblici. Il tutto a vantaggio dei ricchi che potranno permetterseli pagandoli e con buona pace di chi invece non avrà le possibilità di colmare i vuoti creati da questa legge. Opporsi e ostacolare l’approvazione dell’Autonomia Differenziata è una battaglia di civiltà.  Noi calabresi saremo più poveri tra i poveri. La Calabria deve ribellarsi, deve scendere in piazza in massa, soprattutto i giovani che saranno coloro che pagheranno il prezzo più alto. Perdere un giorno di scuola o una lezione all’università non è la fine del mondo. L’opposizione all’Autonomia Differenziata deve essere una battaglia che deve vedere partecipi tutti, giovani e meno giovani, ricchi e poveri, uomini e donne, lavoratori e disoccupati. Facciamo sentire il nostro No a questo Governo. Anche noi come i cittadini del Nord abbiamo diritto ad avere una sanità efficiente e di qualità, l’Alta Velocità, infrastrutture al passo con i tempi, servizi di trasporto decenti, e una scuola pubblica accogliente ed efficiente. Siamo cittadini di serie A e non vogliamo essere relegati in un mondo senza speranza. Non vogliamo e non possiamo sopportare altre privazioni».  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x