Ultimo aggiornamento alle 11:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la denuncia

Usb Cosenza: «La gestione della graduatoria Oss dell’Ao è una beffa per i calabresi»

E’ quanto sostiene, in una nota, il sindacato. «A Cosenza non si attinge dalla graduatoria dal III trimestre del 2023»

Pubblicato il: 21/03/2024 – 11:43
Usb Cosenza: «La gestione della graduatoria Oss dell’Ao è una beffa per i calabresi»

COSENZA «La gestione prettamente politica della graduatoria Oss dell’Ao di Cosenza rappresenta una beffa per la popolazione calabrese e per i lavoratori e le lavoratrici idonee che attendono da mesi la convocazione. Abbiamo più volte denunciato il conflitto generato da una cattiva gestione e da erronee interpretazioni delle normative vigenti, in particolare per le graduatorie Asp di Cosenza e idonei Ao di Cosenza, entrambe per il profilo di Oss, regolarmente e legittimamente attive ( l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza è l’unica per la quale il Tar ha rigettato il ricorso contro lo scorrimento della graduatoria in essere)». E’ quanto sostiene, in una nota, l’Usb Cosenza.
«Riteniamo vergognoso il carattere “emergenziale” dato allo scorrimento della graduatoria Oss Ao di Cosenza, soprattutto poiché le risorse mancanti sono tantissime, da più tempo, ed è la stessa Azienda Ospedaliera di Cosenza che si rifiuta, evidentemente tutelata al riguardo, di assumere personale nonostante in più unità operative manchino diverse risorse per raggiungere il numero minimo da piano del fabbisogno 2022. In merito alle recenti note divulgate dalla Regione Calabria per l’assunzione a tempo indeterminato di Oss, precisiamo che sono soliti giungere dalla Cittadella annunci a senso unico, volutamente lontani dalla realtà», aggiungono. «E’ giustissimo regionalizzare la graduatoria, tuttavia è assurdo che l’Azienda Ospedaliera di Cosenza continui a rimanere senza personale e che la carenza di operatori socio-sanitari gravi sui lavoratori in servizio e sull’utenza tutta: a Cosenza non si attinge dalla graduatoria Oss dal III trimestre del 2023 e nonostante l’attestata carenza, in recenti interlocuzioni con la nostra organizzazione sindacale è stato ribadito dal Direttore Amministrativo Dottor A. Folino e da diverse unità del Sitra che non saranno effettuate assunzioni (di nessun tipo) in azienda ospedaliera, lasciando interi reparti non adeguatamente coperti, come l’Unità di Ostetricia e Ginecologia dove vi sono solo 17 operatori ed operatrici socio-sanitari su 25 richiesti per 60 posti letto, a fronte dei 49 previsti. Chiediamo al commissario De Salazar e al Presidente Occhiuto di considerare la realtà dei fatti, gli Oss in servizio presso l’azienda ospedaliera di Cosenza non ce la fanno più e lo denunciano da mesi! Il lavoro è un diritto non un patto politico e se vi è necessità gli idonei della stessa graduatoria devono poter aver il diritto di restare a Cosenza e in ospedale. Soprattutto, l’unico altro ente ad avere una graduatoria parimenti attiva è l’Asp di Cosenza e per tanto, considerato che il lavoro è di tutti e i lavoratori devono ricevere pari trattamento, tutti gli operatori socio sanitari di entrambe le graduatorie devono essere urgentemente collocati nella maniera più adeguata in base alle necessità e ai vincoli di natura giuridica (tempo determinato, tempo indeterminato). Chiediamo che ai proclami istituzionali seguano anche azioni concrete e che si dia la giusta importanza a tutti i lavoratori della sanità calabrese e cosentina, senza lasciare indietro nessuno», concludono.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x