Ultimo aggiornamento alle 12:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Infiltrazioni della ‘Ndrangheta nei lavori pubblici a Gallico, assolti imprenditori e dipendenti Anas

Non reggono le accuse per i 15 imputati in Tribunale a Reggio Calabria nel processo “Camaleonte”

Pubblicato il: 04/04/2024 – 14:33
Infiltrazioni della ‘Ndrangheta nei lavori pubblici a Gallico, assolti imprenditori e dipendenti Anas

REGGIO CALABRIA Sono stati tutti assolti i 15 imputati del processo, denominato “Camaleonte”, per le presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta nei lavori di manutenzione straordinaria di un sovrappasso a “Gallico” di Reggio Calabria appaltati dall’Anas all’impresa di costruzioni “Doc srl” di Napoli per un importo di oltre 860 mila euro. Il processo era scaturito da un’inchiesta condotta dalla Dda di Reggio Calabria. Il Tribunale di Reggio Calabria (presidente Cristiana Maria De Pasquale) ha assolto gli imprenditori Nilo e Giuseppe Morfù e Nicola De Santis, titolari e rappresentante legale della “Morfù srl”; Michelangelo De Angelis e Domenico Musolino; Felice Cappelluccio, titolare della “Doc srl”, i dirigenti di quest’ultima società Diana e Ornella Capretto e Vincenzo De Falco e l’operaio Antonino Cilona. Assolti anche i dipendenti dell’Anas Giovanni Fiordaliso, Maurizio Raso, Palmiero Quattrocchi Cecala, Luigi Ferro e Angelo Giuseppe Marturano.

Di cosa erano accusati gli imputati

Gli imputati erano accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, con l’aggravante mafiosa, finalizzata all’intestazione fittizia; trasferimento fraudolento di valori; abuso d’ufficio; induzione indebita a dare o promettere utilità; abuso d’ufficio; corruzione e truffa ai danni dello Stato. Il Tribunale ha accolto le tesi del collegio difensivo composto, tra gli altri, dall’avvocato Marco Gemelli, il quale, nel corso del processo, aveva sollevato l’eccezione di inutilizzabilità delle intercettazioni registrate nel corso delle indagini. Intercettazioni su cui poggiava gran parte dell’impianto accusatorio.

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x