Ultimo aggiornamento alle 18:49
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

La dichiarazione

Vinitaly, Occhiuto: «Lo stand unico mette in risalto le eccellenze calabresi» – VIDEO

Il governatore annuncia la linea della Regione per rilanciare le produzioni locali: «Questo spazio verrà utilizzato anche per le prossime edizioni»

Pubblicato il: 14/04/2024 – 11:55
Vinitaly, Occhiuto: «Lo stand unico mette in risalto le eccellenze calabresi» – VIDEO

VERONA «È un’ottima occasione per far comprendere al Paese quanta eccellenza ci sia in Calabria. Tante cantine, tanti produttori ai quali la Regione grazie al lavoro dell’assessore Gallo ha consentito di esporre qui la Vinitaly». Così il governatore Roberto Occhiuto all’inaugurazione dello stand della Regione all’interno del Verona Fiera dove è in corso l’edizione 2024 del Vinitaly. «La Calabria è la terra degli Enotri dove tutto è cominciato – ha ricordato Occhiuto – per questo ha tanti vitigni eccellenti e tante piccole cantine che hanno bisogno di essere aiutate».


Secondo Occhiuto, prodotti come il vino «sono molto legati al territorio e far conoscere i vini significa far conoscere molti luoghi della Calabria che sono sconosciuti. Per questo promuovere i vini significa svolgere un’attività di marketing territoriale».
«Molte cantine in Italia – ha sottolineato – hanno fatto la fortuna dei luoghi dove sono presenti. Quindi ringrazio i produttori calabresi che svolgono un lavoro straordinario ed è compito e dovere della Regione sostenerli e l’assessore Gallo lo sta facendo molto bene».
Sul nuovo stand della Regione, Occhiuto ha evidenziato che «questo spazio sarà utilizzato anche nelle prossime edizioni. Eravamo abituati a fiere che mutavano aspetto. Invece abbiamo pensato di mandare un messaggio bellissimo e farlo divenire proprietà delle Cantine calabresi da utilizzare anche nelle edizioni del Vinitaly dei prossimi anni».

Poi Occhiuto scherzando con i giornalisti ha detto: «Sono sempre molto preoccupato quando vengo al Vinitaly perché visito, come oggi tutte le cantine, ed ognuno mi fa degustare qualcosa e puntualmente al mezzogiorno sono brillo. Vorrei per questo iniziare a visitare l’area dedicata all’olio».
Anche per questa filiera il governatore ha riservato parole di gratitudine. «Manifestazioni del genere danno la possibilità ai tanti nostri produttori – ha detto a questo proposito – che fanno grandi sacrifici di far conoscere le loro eccellenze».
Poi ha sottolineato l’importanza della presenza dei giovani tra i produttori. «Ieri – ha detto Occhiuto – ne ho incontrato uno che faceva l’avvocato a Roma e che ha deciso di abbandonare la professione per dedicarsi alla produzione in Calabria ed è felicissimo di questa scelta. Anche noi siamo contenti di questa scelta – ha proseguito – perché molte di queste cantine hanno imprenditori giovanissimi che sanno offrire innovazione ad un lavoro antico che la Calabria sta declinando in maniera molto moderna».

A proposito della realizzazione dello stand unico che ospita tutti i produttori calabresi, Occhiuto non nasconde la soddisfazione. «Sono molto contento che l’assessore Gallo sia riuscito a realizzarlo – ha detto -. Lo scorso anno ne avevo parlato con lui sottolineando che sarebbe stato bello che anche i grandi produttori e le cantine più importanti fossero nello stesso stand con gli altri produttori calabresi. Ci siamo riusciti e, credo, sia stato possibile riuscire a centrare l’obiettivo grazie all’intelligenza di questi produttori, ma anche per l’attività svolta dall’assessorato regionale all’Agricoltura. Un’assessorato che ha dimostrato di sostenere sia chi produce migliaia di bottiglie ma anche chi ne realizza 10-15 mila».
Sulla questione dell’etichetta da apporre sui vini con la dicitura “Nuoce gravemente alla salute”, Occhiuto ha evidenziato: «Il vino, dovremmo imparare dagli antichi, non può far male alla salute, ma è un prodotto che è utile a descrivere il territorio. So che il ministro Lollobrigida su questo punto sta svolgendo un’attività molto incisiva. Ne abbiamo parlato e ne riparleremo nuovamente. Tra il lavoro del Governo e quello della Regione c’è molta sintonia sul tema dell’agricoltura ed anche su questo argomento».
«Con il ministro Lollobrigida – ha poi ribadito in conclusione – c’è un solido rapporto di amicizia nato prima che si costituisse questo governo tra i banchi del Parlamento. Eravamo entrambi capigruppo lui del suo partito ed io del mio. Sta svolgendo il suo ruolo con grande determinazione e a difesa delle produzioni italiane». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x