Ultimo aggiornamento alle 22:52
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la sentenza

Contraffazione delle impronte di una pubblica autenticazione, assolto un cosentino

L’episodio che riguarda l’imputato (difeso dall’avvocato Enrico Morcavallo) è legato al rilascio della Cila

Pubblicato il: 15/04/2024 – 14:22
Contraffazione delle impronte di una pubblica autenticazione, assolto un cosentino

COSENZA Era chiamato a rispondere di contraffazione delle impronte di una pubblica autenticazione o certificazione, con riferimento ad una Cila (comunicazione inizio lavori) rilasciata dalla comune di San Pietro in Guarano, in provincia di Cosenza. A.I. (difeso dall’avvocato Enrico Morcavallo) è stato assolto dal Tribunale di Cosenza «per non aver commesso il fatto» perché dopo aver «pagato il tributo dovuto al rilascio della Cila, non può aver né concorso e né perpetrato il reato di falsificazione, operabile solo da chi poteva richiedere la stessa Cila».
(redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x