Ultimo aggiornamento alle 19:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

‘Ndrangheta a Crotone, in Prefettura l’incontro degli imprenditori che hanno denunciato i clan

Iniziativa “Sotto Scacco”, un confronto sul racket e le estorsioni organizzato da “Crotone Imprese”

Pubblicato il: 16/04/2024 – 23:43
‘Ndrangheta a Crotone, in Prefettura l’incontro degli imprenditori che hanno denunciato i clan

CROTONE «Avevo perso la fiducia nello Stato ma mi sono dovuto ricredere perché ho trovato organi di polizia eccezionali. In modo particolare la Questura di Crotone, sia dal punto di vista professionale che umano. Ci sono stati vicino sempre. Poi la vicinanza della gente: c’è stata una presa di coscienza della gente; non avevo mai visto una reazione del genere in 50 anni. È il momento di insistere, di non mollare. Perché se si molla abbiamo perso tempo. Non serve fare ponti. Il problema principale è la ‘ndrangheta, che ha pregiudicato tutto e può pregiudicare il futuro se non ci attiviamo».
Lo ha detto Rosario Mattace, un imprenditore di Cutro che ha denunciato i suoi estorsori, nel corso dell’iniziativa sul tema “Sotto Scacco”, un confronto sul racket e le estorsioni organizzato da “Crotone Imprese”. Mattace, grazie alle sue denunce, ha permesso di far scattare un’operazione in cui sono state arrestate cinque presunti affiliati alla ‘ndrangheta di Cutro. All’iniziativa ha preso parte il prefetto Maria Grazia Nicolò, Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed usura.
«Siamo qui – ha detto il prefetto Nicolò – per promuovere la cultura della denuncia. Ed anche per incentivare tutti coloro che sono vessati da reati riconducibili alla criminalità organizzata ad alzare in qualche modo la testa e riappropriarsi della propria dignità personale, a non farsi piegare dalla criminalità organizzata ed a riacquistare la propria libertà personale e la propria libertà di impresa. Le frequenti operazioni di polizia giudiziaria danno contezza dell’esistenza e della persistenza dei reati usurari ed estorsivi, ma non c’è collaborazione da parte degli imprenditori e dei commercianti ed abbiamo un calo delle denunce. Occorre capire che il fulcro essenziale è la denuncia ed in questo senso dobbiamo scuotere gli imprenditori. Sono venuta a Crotone per cercare in qualche modo di informare gli imprenditori ed i commercianti sull’opportunità che lo Stato dà nel momento in cui si decide di denunciare». Il prefetto Nicolò, nel ribadire il ruolo delle associazioni antiracket, «che conoscono – ha detto – l’humus territoriale di riferimento e possono accompagnare la vittima inducendola a denunciare perché occorre promuovere anche sul territorio di Crotone una forma di associazionismo a sostegno e beneficio di chi denuncia. E va detto anche che “lo Stato non dimentica chi denuncia, ma anzi lo accompagna nel suo percorso». (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x