Ultimo aggiornamento alle 15:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

“Rinascita-Scott”, si allungano i tempi del “troncone” cosentino

Dopo l’estate si terrà la requisitoria della pm Frustaci. Poi la parola passerà ai difensori degli imputati per le arringhe finali

Pubblicato il: 25/06/2024 – 6:57
“Rinascita-Scott”, si allungano i tempi del “troncone” cosentino

COSENZA Il prossimo mese di ottobre segnerà un momento importante nel percorso del procedimento giudiziario scaturito dall’inchiesta “Rinascita-Scott“, celebrato dinanzi al tribunale di Cosenza. Si tratta di un troncone della maxi inchiesta contro la ‘ndrangheta vibonese, che vede imputati gli ex consiglieri regionali Nicola Adamo e Pietro Giamborino e Filippo Valia, nipote di Giamborino. L’accusa nei loro confronti è di traffico di influenze illecite perché, in concorso tra di loro, avrebbero cercato di influenzare il corso di una causa davanti al Tar avente ad oggetto l’aggiudicazione di alcuni lavori di messa in sicurezza nel vibonese. In particolare, Pietro Giamborino, attivato dall’imprenditore e dal nipote, avrebbe interpellato Nicola Adamo affinché intercedesse con un giudice del Tar. In cambio ad Adamo sarebbero stati promessi 50mila euro. In aula, nel corso delle precedenti udienze, sono stati escussi alcuni collaboratori di giustizia come Raffaele Moscato, Bartolomeo Arena, Andrea Mantella. I tempi del processo si sono allungati, basti pensare che il maxi processo celebrato in aula bunker a Lamezia Terme si è concluso con la sentenza pronunciata a novembre 2023, ed a distanza di un anno – a Cosenza – non si avrà quasi sicuramente certezza della data della sentenza. Ieri era in programma, dinanzi al tribunale di Cosenza – in composizione collegiale – l’udienza che avrebbe dovuto chiudere la fase dibattimentale. Il giudice ha disposto il rinvio ad ottobre 2024, quando è attesa la requisitoria della pm Annamaria Frustaci. Che prenderà la parola dopo aver escusso i residui testi dell’accusa. La parola poi passerà ai difensori degli imputati per le arringhe, con le udienze ancora da calendarizzare. (f.b.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x