Ultimo aggiornamento alle 15:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la delibera

Tonnellate di veleni a Crotone, la Regione pronta a modificare il piano rifiuti

La reintroduzione dell’indice costringerebbe Eni Rewind a rivedere il progetto di smaltire quel milione di tonnellate di veleni nell’area crotonese

Pubblicato il: 25/06/2024 – 20:07
di Gaetano Megna
Tonnellate di veleni a Crotone, la Regione pronta a modificare il piano rifiuti

CROTONE Si va verso la modifica del Piano regionale dei rifiuti introducendo “il criterio localizzativo” denominato “fattore di pressione discariche”. In questa direzione la giunta regionale calabrese, nella seduta del 21 giugno scorso, ha approvato la delibera numero 293, sebbene non sia ancora operativa. Lo diventerà dopo l’approvazione del consiglio regionale della Calabria. Fonti regionali riferiscono che la questione non ha trovato spazio nell’ordine del giorno della prossima seduta e probabilmente si dovrà attendere quella successiva. La delibera approvata dalla Giunta, potrebbe, comunque, avere un valore indicativo alla Conferenza dei servizi decisoria convocata dal ministero dell’Ambiente per domani. Se si dovesse tenere conto delle indicazioni contenute nella delibera approvata dalla giunta regionale calabrese, la Conferenza dei servizi dovrebbe individuare un percorso diverso rispetto alla proposta di Eni Rewind, e non solo, di smaltire a Crotone quel milione di tonnellate di veleni attualmente stipati nella discarica costruita a ridosso del mare, parallelamente alla strada consortile che costeggia i siti industriali di ex Enichem ed ex Pertusola sud. Si torna a parlare dell’opportunità di reintrodurre il fattore di pressione che il consiglio regionale aveva eliminato dal vecchio Piano dei rifiuti, lo scorso 12 marzo. Questo indice è importante perché impedirebbe la costruzione di nuove discariche o ampliamenti di quelle già esistenti in aree dove c’è la presenza eccessiva di impianti di rifiuti. La reintroduzione dell’indice costringerebbe Eni Rewind a rivedere il progetto di smaltire a Crotone quel milione di tonnellate di veleni. Quel vincolo impedirebbe la costruzione di nuove discariche in quanto terrebbe conto dell’indice di pressione che esercita l’esistente. La quantità di discariche esistenti a Crotone impedirebbe insomma la realizzazione di nuovi impianti per smaltire e lavorare rifiuti. Nell’approvazione della delibera la giunta regionale ha tenuto conto “in particolare” del contenuto dell’articolo 196, comma 1, del D.legs “che prevede che sia competenza delle Regioni la definizione dei criteri per l’individuazione dei luoghi o impianti idonei allo smaltimento e la determinazione di disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare”. Significa che nemmeno il ministero dell’Ambiente può imporre alla Regione la propria volontà. La nuova posizione della Regione tiene anche conto del fatto che “occorre integrare i criteri localizzativi previsti al capitolo 32 del Piano regionale di gestione dei rifiuti con il criterio localizzativo “fattore di pressione discariche”, con l’obiettivo, a tutela dell’ambiente e della salute pubblica, di evitare l’eccessiva concentrazione d tali impianti”. Si è anche tenuto conto del fatto che “la Regione ha proceduto all’aggiornamento del censimento delle discariche” e “comprendendo nella nova ricognizione i volumi in ampliamento e i volumi autorizzati da ordinanze contingibili ed urgenti”. Tutte questioni esistenti prima dell’approvazione del nuovo Piano regionale dei rifiuti. Si poteva già chiudere, quindi, la partita a marzo riconfermando il fattore di pressione nel nuovo Piano dei rifiuti, magari quello areale, ma probabilmente il canto delle sirene arrivato in Calabria è stato più forte delle normi esistenti. Meglio dardi che mai. A Crotone si spera solo che, prima di prendere la decisione definitiva, già domani si tenga conto, che c’è in gioco la salute di un intero territorio.  

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x