Ultimo aggiornamento alle 14:39
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il Pd a Palazzo Campanella boccia la finanziaria regionale

LAMEZIA TERME Il gruppo del Pd in consiglio regionale boccia senza appello il bilancio di previsione 2012 che si appresta ad essere esaminato a Palazzo Campanella. Al summit convocato questa mattin…

Pubblicato il: 14/12/2011 – 16:44
Il Pd a Palazzo Campanella boccia la finanziaria regionale

LAMEZIA TERME Il gruppo del Pd in consiglio regionale boccia senza appello il bilancio di previsione 2012 che si appresta ad essere esaminato a Palazzo Campanella. Al summit convocato questa mattina a Lamezia Terme da Sandro Principe, erano presenti tutti gli esponenti democrat eccezion fatta per Demetrio Battaglia rimasto a Reggio Calabria per i lavori della commissione Bilancio. La manovra economica è stata giudicata «gracile sotto il profilo finanziario» ed assolutamente «inconsistente in termini di incisività economica e sociale», in quanto in essa non si intravedono idee per risolvere le tante problematiche che affliggono la Calabria. «La Regione – si legge in una nota diramata al termine della riunione – rischia di implodere finanziariamente poiché in vari comparti, quali la forestazione, i servizi socio-assistenziali, il personale delle comunità montane, non riesce a garantire le coperture necessarie per il prosieguo delle attività. Nel settore socio-assistenziale, in particolare, la giunta regionale  non è capace di assumere decisioni politiche per risolvere il problema. E, invero, mentre continua a mantenere immutato il numero dei posti letto, che impongono alle strutture di erogare i servizi, riduce i trasferimenti». Per non parlare poi del trasporto pubblico locale «dove si registra un taglio del 15% delle risorse, che fa prevedere una drastica riduzione dei servizi con conseguenti gravi disagi per i cittadini». Tutte criticità su cui il Pd ha presentato una serie di emendamenti che oggi sono stati illustrati da Bruno Censore nella commissione competente.
I consiglieri democratici hanno affrontato il problema dei finanziamenti ai Comuni rinvenienti dalla legge 24 e quelli relativi ai centri storici ed hanno deciso di presentare una serie di emendamenti per tutelare le amministrazioni comunali che, a seguito della pubblicazione delle graduatorie, hanno posto in essere atti e procedure per eseguire i lavori. «Nel confermare le riserve del gruppo del Pd – si legge ancora nella nota – sull’attuazione del POR Calabria 2007/2013 e sulla reale spendibilità delle risorse, è stato rilevato il ricorso ai fondi strutturali a copertura di interventi vari, senza che si sia proceduto ad una generale e programmata rimodulazione. A parere dei democratici il Bilancio 2012 dimostra ancora una volta che la Regione – modello piccolo stato accentratore – non regge più,  né  sul piano funzionale né finanziariamente e che bisogna affrontare con coraggio riforme strutturali per pervenire rapidamente alla cosiddetta Regione leggera, che legifera, programma, dà indirizzi e controlla. Si è deciso che in questa direzione il gruppo regionale del Pd nei prossimi mesi condurrà battaglie politiche ed istituzionali, presentando anche una specifica proposta di legge».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb