Ultimo aggiornamento alle 8:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Pentito: «Ho subìto un attentato nella località protetta»

CROTONE Le cosche della `ndrangheta del Crotonese hanno tentato di uccidere il collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura, di 40 anni, mentre era in una città dove risiedeva sotto copertura. L`ep…

Pubblicato il: 10/01/2012 – 19:11
Pentito: «Ho subìto un attentato nella località protetta»

CROTONE Le cosche della `ndrangheta del Crotonese hanno tentato di uccidere il collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura, di 40 anni, mentre era in una città dove risiedeva sotto copertura. L`episodio è stato raccontato dallo stesso Bonaventura durante un processo davanti ai giudici del Tribunale di Crotone a presunti esponenti delle cosche crotonesi. Il pentito, ex esponente della cosca Vrenna-Corigliano-Bonaventura, è stato sentito in qualità di teste dell`accusa.
«MI STAVANO FACENDO FARE LA FINE DI LEA GAROFALO» «Sono fortemente turbato da quanto è accaduto. La `ndrangheta mi stava facendo fare la stessa fine di Lea Garofalo». È quanto ha detto il collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura nel corso della sua deposizione. Il pentito ha fatto riferimento a quanto accaduto a Lea Garofalo, la testimone di giustizia di Petilia Policastro sequestrata, uccisa e sciolta nell`acido nel novembre 2009 in Lombardia, per dare l`idea di quanto gli è accaduto. Sulle modalità e sul luogo dell`attentato il collaboratore di giustizia non ha voluto aggiungere altri particolari. Il pentito ha comunque affermato di non voler abbandonare il suo percorso di collaborazione con la giustizia. L`episodio, secondo quanto si è appreso, è stato denunciato e sono in corso le indagini da parte della Dda di Catanzaro. Il difensore di Bonaventura, l`avvocato Giulio Calabretta, ha presentato un`istanza di differimento della deposizione del pentito e ha fatto riferimento a problemi di salute del suo assistito e alla circostanza che «alcuni mesi addietro Luigi Bonaventura è stato vittima di un attentato di `ndrangheta, riuscendo a scappare per puro caso. L`episodio è stato poi denunciato – ha detto il penalista – ma la situazione resta pericolosa».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x