Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Legge antisismica, i costi ricadranno sui cittadini»

CATANZARO «La stesura della legge n.35/2009 sulle “Procedure per la denuncia, il deposito e l`autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospetti…

Pubblicato il: 09/06/2012 – 17:04
«Legge antisismica, i costi ricadranno sui cittadini»

CATANZARO «La stesura della legge n.35/2009 sulle “Procedure per la denuncia, il deposito e l`autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva sismica” ha da subito appalesato delle lacune, tempestivamente rilevate dalla federazione degli ordini degli ingegneri. Tant`é che l`entrata in vigore della procedura ha subito un percorso di trial and error che ha comportato inevitabilmente ritardi e lungaggini nell`attuazione del processo autorizzativo». È quanto afferma in una nota la federazione regionale dell`ordine degli ingegneri in relazione all`entrata in vigore della normativa. «Dal 2009 ad oggi – prosegue la nota – gli ordini si sono resi sempre disponibili a fornire, allorché interpellati, la doverosa collaborazione, facendosi sovente parte attrice per evidenziare e suggerire criticità che emergevano o che potevano affiorare lungo il processo di adozione nel corso dell`applicazione della nuova normativa. È bene evidenziare che le osservazioni avanzate sono nate sempre dall`esperienza dei professionisti iscritti, sia in qualità di progettisti esterni alla pubblica amministrazione che di pubblici funzionari che operano all`interno degli uffici, con l`amaritudine di vedere solo alcune delle proposte formulate sono state esaminate  dalla competente commissione regionale».   «Si vuole ribadire ancora una volta che maggiore sicurezza, pur comportando maggiori costi – prosegue la nota – non deve certamente  comportare un allungamento dei tempi di esame istruttorio delle pratiche sottoposte a procedura autorizzativa. È bene ricordare che, in tempi non troppo lontani, l`ufficio del genio civile, all`epoca del rilascio del nulla osta, antecedente all`entrata in vigore della attuale normativa che si avvale della richiamata procedura di deposito, poteva contare su un organico molto più numeroso di quanto disponga, ora, la struttura regionale deputata all`applicazione della norma. La responsabilità della verifica della  attuabilità della procedura, nel rispetto dei tempi, appartiene agli organi regionali, senza dimenticare che l`allungamento dei tempi nell`esame delle pratiche ai fini del rilascio dell`atto autorizzativo, costituisce un non trascurabile costo, che si trasferisce sugli utenti, danneggiando l`economia ed il mercato del lavoro, in un settore quale è l`edilizia primario dell`economia calabrese, che va ad aggravare l`attuale gravissima crisi che sta aggredendo tutta l`Italia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x