Ultimo aggiornamento alle 13:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Chiappetta (Pdl): «Da D`Attorre analisi inconsistente»

REGGIO CALABRIA «A dispetto delle cronache evidentemente  alimentate dalle formalità di rito, la conferenza stampa del commissario regionale del Pd, Alfredo D’Attorre, e del capogruppo in consiglio…

Pubblicato il: 07/08/2012 – 18:10
Chiappetta (Pdl): «Da D`Attorre analisi inconsistente»

REGGIO CALABRIA «A dispetto delle cronache evidentemente  alimentate dalle formalità di rito, la conferenza stampa del commissario regionale del Pd, Alfredo D’Attorre, e del capogruppo in consiglio regionale, Sandro Principe, non mostra affatto quell’unità di intenti e quella coesione politica che – ad ogni costo e ne comprendiamo le ragioni – vuole essere indicata come la ritrovata qualità del loro partito». Gianpaolo Chiappetta inizia così la sua nota di replica all`affondo portato ieri dai vertici regionali del Pd alla maggioranza. Il suo obiettivo, però, non è Principe («è possibile facilmente rendersi conto del suo approccio politico, amministrativo e sostanziale»), ma il commissario, «aspirante deputato e commissario per grazia» colpevole, secondo il capogruppo del Pdl in consiglio regionale, di aver aumentato la «disgregazione» dei democratici. Chiappetta sottolinea che «al commissario non riescono bene nemmeno le metafore, ma questo forse è ascrivibile alla sua inesistente conoscenza della Calabria e del suo partito regionale; se l’avesse avuta non avrebbe mai potuto affermare che tecnicamente l’operazione è riuscita ma il paziente è morto, avrebbe invece dovuto dire di essere consapevole che negli anni passati, mentre i “medici” del centrosinistra studiavano, il paziente stava per morire». «La Calabria – continua il consigliere pidiellino – è una terra con immani difficoltà ma lontana dalle descrizioni funerarie di D’Attorre ed i risultati conseguiti dal presidente Scopelliti e dal centrodestra certificano progressi oggettivi ed incontestabili, innegabili anche per chi – come il commissario del Pd – è istintivamente portato a dirne un gran male».
Gli attacchi del commissario dei Democrat sui guai giudiziari di Scopelliti non sono stati apprezzati: «Pronuncia infatti  sentenze inappellabili  e trascura – evidentemente – di riferire o di pronunciare qualsivoglia parola sui fatti che riguardano autorevoli esponenti ed enfant prodige del suo partito». Considerazioni, quelle di D`Attorre, che Chiappetta bolla come «strumentalizzazioni forzate» e «interpretazioni opportunistiche», figlie di un «inutile quanto inconsistente approccio politico» dal quale – e questo è un messa a parte del Pd – «continuiamo a sperare che gli esponenti regionali del partito – quelli avveduti e consapevoli della drammaticità dei problemi – si tengano lontani».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb