Ultimo aggiornamento alle 13:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

GOLETTA VERDE | Scopelliti: «Valutiamo azioni legali»

CATANZARO «Quest`anno in Calabria le condizioni del mare sono ottimali. Da Goletta Verde poca attendibilità, valutiamo azioni legali». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Sco…

Pubblicato il: 17/08/2012 – 15:24
GOLETTA VERDE | Scopelliti: «Valutiamo azioni legali»

CATANZARO «Quest`anno in Calabria le condizioni del mare sono ottimali. Da Goletta Verde poca attendibilità, valutiamo azioni legali». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, intervistato dall`emittente radiofonica Rtl 102.5 durante il programma “Non Stop News”. «Per prima cosa – ha detto il governatore – contesto con determinazione la metodologia usata da Goletta Verde. Nello specifico, in Calabria sono stati effettuati 24 prelievi, molti di più rispetto ad altre regioni, e 19 campioni sono risultati inquinati. Ciò, però, è avvenuto alla foce dei torrenti ed in siti critici, per cui non è accettabile come metro per giudicare la bellezza, la trasparenza e la balneabilità delle acque di 800 chilometri di costa. La classificazione della Calabria, inoltre, è anomala dal momento che, secondo tale calcolo, vi sono siti inquinati ogni 34 chilometri di costa, mentre il rapporto in moltissime altre regioni è decisamente peggiore. Al di là del metodo – ha aggiunto Scopelliti – si è trattato di una inaccettabile campagna di diffamazione nei confronti della nostra regione e, se vi saranno gli elementi, ci tuteleremo nelle sedi opportune, perché i cittadini calabresi non meritano questo trattamento. Lavoriamo quotidianamente, con la task force di Arpacal e Guardia Costiera, per monitorare le acque ed avere sempre il quadro reale e aggiornato della situazione. Quest`anno, anche dai dati in nostro possesso, il riscontro rispetto alla trasparenza ed alla balneabilità delle acque è risultato decisamente migliore rispetto agli anni precedenti. A pensar male, verrebbe il sospetto che determinate azioni vengano prese al fine di spostare flussi turistici verso alcuni territori, e sarebbe davvero inquietante».
Scopelliti, intervenendo in radio, ha ricordato: «Vorrei anche segnalare un episodio molto grave, accaduto quando ero sindaco di Reggio Calabria. La mia città si posizionò ultima in una delle classifiche di Legambiente, ma un giornale calabrese dimostrò, carte alla mano, che i dati erano stati modificati poco prima della diffusione, perché Reggio nella precedente stesura aveva un piazzamento migliore di ben 8 posizioni. Indipendentemente da tutto, vista la poca attendibilità dei dati di Goletta Verde – ha concluso il presidente della Regione – noi continuiamo a goderci il nostro mare, insieme ai cittadini, ai turisti ed a tutti quelli che vorranno venire a trascorrere le vacanze e investire in Calabria».

GENTILE CHIEDE A GNUDI DI “DIFENDERE” LA CALABRIA
«Sosteniamo l`azione del presidente della Regione Calabria, Scopelliti, contro questa vergognosa campagna condotta per screditare una regione che oggi ha un mare pulito ed è ritornata al suo antico splendore». Lo afferma, in una nota, il senatore Antonio Gentile facendo riferimento alla dichiarazione con cui Scopelliti ha riferito che sta valutando azioni legali contro Legambiente, contestando i dati di Goletta verde che ha assegnato alla regione la “maglia nera” per le condizioni del mare. «La sicumera con la quale queste associazioni – aggiunge Gentile – tranciano giudizi superficiali, atteggiandosi ad agenzie di rating, ha il solo scopo di indirizzare il turismo last minute, particolarmente utilizzato in questo periodo di crisi economica, verso le regioni del centro-nord. Ma noi siamo stufi di sopportare aggressioni che offendono la realtà. A qualche stratega apprendista stregone non saranno piaciuti i dati di Federalberghi che vedono la Calabria come meta turistica preferita dagli italiani. Così come non sono piaciute le campagne intelligenti della Regione, che sono state supportate dal grande lavoro con i Comuni. Oggi i depuratori funzionano e la gente lo vede e lo sa». «Manderemo le analisi dell`Arpacal, che è un ente pubblico e non una goletta qualsiasi – conclude il senatore – al ministro Gnudi, che non può fare il Ponzio Pilato e ha il dovere di difendere una regione che è ritornata ad essere una delle più belle del Mediterraneo». Peccato che le redazioni dei giornali calabresi siano quotidianamente sommerse di segnalazioni in senso contrario, con tanto di immagini allegate.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb