Ultimo aggiornamento alle 23:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Scopelliti si difende: «Nessuno ha comprato i voti per me»

«Non è mai successo che qualcuno abbia comprato voti per me». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, intervenendo venerdì mattina alla trasmissione “La telefonata d…

Pubblicato il: 12/10/2012 – 10:29
Scopelliti si difende: «Nessuno ha comprato i voti per me»

«Non è mai successo che qualcuno abbia comprato voti per me». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, intervenendo venerdì mattina alla trasmissione “La telefonata di Belpietro“ su Canale 5. Il riferimento di Scopelliti è ad un`intercettazione, citata dal direttore di Libero Maurizio Belpietro, contenuta nell`inchiesta della Dda di Milano che ha portato all`arresto dell`assessore regionale alla Casa, Domenico Zambetti, e pubblicata oggi dal Giornale, in cui una delle persone coinvolte nell`inchiesta, Eugenio Costantino, parlando col padre dice: «Con Scopelliti hai visto come hanno fatto? Sono andati là…li hanno pagati ed hanno comprato i voti. Se non paghi i voti non vinci».
«Nei confronti di questi balordi – ha aggiunto Scopelliti – procederò attraverso i miei legali per citarli nelle sedi dovute. Il problema di fondo è che ognuno ormai parla a ruota libera. Poi però occorre che chi di dovere trovi i riscontri a ciò che viene detto».
Il governatore è tornato pure a parlare dello scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria per «contiguità» con la `ndrangheta. «Non ho avuto il piacere di essere chiamato dal ministro Cancellieri per dare come presidente di Regione un contributo e per spiegare cosa è stato fatto dal Comune a Reggio Calabria contro la `ndrangheta».
«Quando governava il centrosinistra – ha aggiunto Scopelliti – sono state costituite le società miste che oggi sono messe in discussione nella relazione della Commissione d`accesso. Quando io ho governato ho messo in campo azioni concrete contro la criminalità organizzata, come l`utilizzo del 90 per cento dei beni confiscati. La politica viene indicata come la responsabile di tutti i mali, ma le vicende vanno recuperate al buon senso delle istituzioni. Se ci sono responsabilità singole, che sono peraltro tutte da dimostrare, non se ne può dedurre un condizionamento generale del crimine organizzato su tutta la gestione amministrativa del Comune e non può pagarne le conseguenze, dunque, tutta la comunità reggina».
Secondo Scopelliti, «la scelta del governo di sciogliere il Comune indebolisce decisamente lo Stato e non rappresenta una conquista per la democrazia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x