Ultimo aggiornamento alle 8:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

In manette l'avvocato che fece incontrare Piero Aiello e Giampà

LAMEZIA TERME La squadra mobile di Catanzaro ha arrestato a Lamezia Terme un avvocato, Giovanni Scaramuzzino, di 38 anni, accusato di voto di scambio aggravato dalle modalità mafiose. L’arresto è s…

Pubblicato il: 05/06/2014 – 22:00
In manette l'avvocato che fece incontrare Piero Aiello e Giampà

LAMEZIA TERME La squadra mobile di Catanzaro ha arrestato a Lamezia Terme un avvocato, Giovanni Scaramuzzino, di 38 anni, accusato di voto di scambio aggravato dalle modalità mafiose. L’arresto è stato eseguito dopo che la Corte di cassazione ha rigettato il ricorso presentato dai difensori di Scaramuzzino contro la decisione del Tribunale del riesame di accogliere la richiesta della Dda di applicazione della custodia cautelare in carcere per voto di scambio aggravato dalle modalità mafiose. Nell’inchiesta è indagato anche il senatore del Ncd Piero Aiello.
Secondo le indagini della squadra Mobile, al professionista è contestata la partecipazione a una riunione, insieme ad Aiello, candidato alle elezioni regionali calabresi del 2010, (attualmente senatore eletto nelle file del Pdl e già assessore regionale), con esponenti di primo piano della cosca Giampà. E nel corso di quella riunione, sempre secondo l’accusa, il politico avrebbe promesso utilità economiche in cambio di voti col fine di procurare ai membri della cosca e alle loro ditte l’aggiudicazione di appalti per forniture e servizi all’interno di strutture pubbliche. Il reato viene contestato a Scaramuzzino con l’aggravante poiché commesso per agevolare le attività dell’associazione di ‘ndrangheta. L’avvocato è stato rintracciato dalla Squadra Mobile di Catanzaro nella sua abitazione, dove era sottoposto agli arresti domiciliari in quanto già colpito da provvedimento cautelare per l’operazione “Perseo” eseguita a luglio 2013 e per il quale è stato riconosciuto responsabile di concorso esterno in associazione mafiosa e associazione a delinquere finalizzata alla truffa alle assicurazioni aggravata dalla metodologia mafiosa.

 

L’INCONTRO NELLO STUDIO DELL’AVVOCATO

Fu nello studio dell’avvocato Giovanni Scaramuzzino, secondo la Dda di Catanzaro, che avvenne l’incontro tra Piero Aiello, allora candidato alle regionali e poi divenuto senatore dell’Ncd, ed il boss Giuseppe Giampà, figlio del capocosca della ‘ndrangheta lametina Francesco, detto “il professore”, divenuto collaboratore di giustizia.
È stata la testimonianza di Giampà, resa davanti al pm della Dda di Catanzaro Elio Romano, a inguaiare il parlamentare e a spingere la Dda a chiederne l’arresto per voto di scambio nell’ambito dell’operazione Perseo. La richiesta fu respinta dal giudice per le indagini preliminari, Abigail Mellace, sostenendo che «non c’è prova che Aiello sia stato effettivamente consapevole di partecipare a una riunione con importanti esponenti di vertice di una delle più pericolose organizzazioni di ‘ndrangheta calabrese». Contro questa tesi la Dda di Catanzaro ha presentato ricorso al riesame che ha condiviso l’impostazione del gip. Successivamente la Dda ha presentato ricorso in Cassazione che ha annullato la decisione del Riesame disponendo che ci sia una nuova pronuncia del Tribunale della libertà.
L’accusa sostiene che in occasione delle elezioni regionali del 2010 Piero Aiello, candidato per l’allora Pdl, avrebbe promesso l’affidamento di appalti per la fornitura di materiale vario alla Regione, in cambio di voti, ai boss Giuseppe Giampà e Saverio Cappello.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x